Benessereblog Salute Emicrania: perché le donne ne soffrono di più?

Emicrania: perché le donne ne soffrono di più?

Emicrania: perché le donne ne soffrono di più?

Le donne soffrono più spesso di emicrania rispetto agli uomini? E se si, per quale ragione? A cercare di rispondere a questa domanda sono gli autori di un nuovo studio pubblicato su Frontiers in Molecular Biosciences, dal quale è emerso che esiste un potenziale meccanismo di causalità che potrebbe spiegare perché le donne soffrono più spesso di emicranie rispetto agli uomini. Lo studio suggerisce infatti che gli ormoni sessuali influenzano il rischio di soffrire di emicrania attraverso dei meccanismi complessi.

Crediamo che la modulazione del sistema trigemino-vascolare da parte degli ormoni sessuali abbia un ruolo importante che non è stato adeguatamente affrontato

spiegano gli autori dello studio, i quali hanno dunque esaminato decenni di letteratura sugli ormoni sessuali, la sensibilità all’emicrania e le risposte delle cellule ai fattori che possono scatenare l’emicrania, per identificare il ruolo di specifici ormoni. Alcuni (come il testosterone) sembrano proteggere dal rischio di emicrania, mentre altri (come la prolattina) sembrano peggiorare i sintomi. Altri ancora richiedono molte più ricerche per poter determinare il loro ruolo nel processo di sviluppo dell’emicrania.

Emicrania: il ruolo degli estrogeni

Tuttavia, gli estrogeni sembrerebbero essere il candidato chiave per comprendere l’insorgenza dell’emicrania. Ciò spiegherebbe infatti perché noi donne tendiamo a soffrire di questo problema durante la fase premestruale e mestruale, o in concomitanza con periodi in cui si registrano importanti cambiamenti ormonali.

La ricerca è ancora preliminare, per cui gli esperti ritengono necessario studiare in modo più approfondito il ruolo degli estrogeni e di altri ormoni nello sviluppo dell’emicrania.

via | ScienceDaily
Foto da iStock

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social