Benessereblog Alimentazione Dieta sana Educazione alimentare: sempre più necessaria anche per i medici

Educazione alimentare: sempre più necessaria anche per i medici

I medici dovrebbero avere maggiori conoscenze in merito alla corretta nutrizione. Ecco cosa emerge da un nuovo studio.

Educazione alimentare: sempre più necessaria anche per i medici

La conoscenza della nutrizione è essenziale per i medici di oggi. A suggerirlo è un nuovo studio che è stato recentemente pubblicato sulle pagine della rivista JAMA Internal Medicine, i cui autori spiegano che problematiche come sovrappeso, diabete, malattie cardiache, e molte forme di cancro sono associate a diete non salutari, ma la maggior parte dei medici non ha le conoscenze adatte per risolvere questo problema.

La ricerca dimostra che una dieta ricca di frutta, verdura, cereali e fagioli può aiutare a combattere malattie cardiache, ipertensione, diabete e cancro. Ma solo il 9,3% degli adulti statunitensi soddisfa le raccomandazioni giornaliere di assunzione di verdura, mentre solo il 12,2% degli adulti assume frutta

spiegano gli autori dello studio, i quali forniscono anche una lista di cinque passi che la comunità medica dovrebbe intraprendere per affrontare questa scarsa conoscenza in merito alla nutrizione. Ecco quali sono le regole fornite degli esperti:

  1. La nutrizione dovrebbe essere una parte necessaria della formazione medica continua per i medici di tutto il mondo
  2. I medici dovrebbero lavorare insieme a dietisti registrati
  3. I servizi di documentazione medica elettronica dovrebbero includere domande nutrizionali e dispense personalizzabili
  4. I medici dovrebbero rappresentare dei modelli di comportamento e dovrebbero seguire abitudini alimentari sane
  5. La comunità medica dovrebbe sostenere ambienti alimentari più sani, anche negli ospedali e nelle scuole.


via | Eurekalert
Foto da Pixabay

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Pleurite: i sintomi da riconoscere subito
Malattie

La pleurite è un’infiammazione della pleura, una sottile membrana che riveste la cavità toracica e i polmoni. I sintomi più comuni sono dolore al petto, che può peggiorare con la tosse o con la respirazione profonda, e difficoltà respiratorie. Altri sintomi possono includere febbre, sudorazione notturna ed affaticamento. La pleurite può essere causata da un’infezione, come la polmonite, o da una malattia autoimmune. Alla comparsa dei primi segnali è opportuno contattare immediatamente il medico.