Benessereblog Salute La dipendenza da smartphone cambia il nostro cervello

La dipendenza da smartphone cambia il nostro cervello

I ricercatori tedeschi hanno dimostrato che la dipendenza da smartphone cambia il nostro cervello e altera la normale attività cerebrale.

La dipendenza da smartphone cambia il nostro cervello

La dipendenza da smartphone altera il nostro cervello, e non è una delle solite frasi allarmistiche che servono solo a incutere timore, è una verità frutto di una ricerca scientifica. L’utilizzo eccessivo dello smartphone modifica forma e dimensioni del nostro cervello, come accade nei tossicodipendenti che abusano della droga. La tecnologia è diventata parte integrante della nostra vita ma dobbiamo essere noi a porre un freno e a ricavarci dei momenti, delle ore e delle parti della giornata in cui facciamo altro e non stiamo con occhi e mani su uno schermo.

La ricerca è stata fatta da un gruppo di scienziati della Heidelberg University tedesca e poi è stata pubblicata sulla rivista scientifica Addictive Behaviors. I medici, tramite uno scanner per la risonanza magnetica, hanno esaminato il cervello di 48 persone. Di queste 22 avevano una dipendenza da smartphone e 26 invece non avevano nessuna forma di dipendenza. Analizzando i risultati e confrontando le diverse risonanze magnetiche è emerso che chi aveva la dipendenza da smartphone aveva dei chiari segnali di alterazioni.

In alcune zone chiave del cervello la materia grigia aveva un volume ridotto del volume e in generale c’era una minore attività cerebrale, un danno chiaro e misurabile che dovrebbe farci capire che dobbiamo stare attenti. Non sappiamo se questi danni possono rientrare dopo una corretta rieducazione o se sono permanenti, di certo che si continua con la dipendenza possono solo peggiorare.

I ricercatori della Heidelberg University hanno dichiarato: [quote layout=”big” cite=”Ricercatori della Heidelberg University]“Gli individui con dipendenza da smartphone hanno evidenziato un volume più ridotto della materia grigia nell’insula anteriore sinistra e nella corteccia temporale inferiore e paraippocampale. Il concetto di innocuità degli smartphone è da rivedere, perlomeno nei soggetti che potrebbero essere a rischio maggiore di sviluppare comportamenti di dipendenza”.[/quote]

Foto | Pixabay
Via | Corriere

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Meningite: 9 sintomi da conoscere e non sottovalutare
Malattie

La meningite è un’infiammazione che interessa le membrane che proteggono e circondano il cervello e il midollo spinale, ovvero le cosiddette meningi. Tra i primi sintomi, rientrano la sonnolenza, un forte mal di testa e la mancanza di appetito. Si aggiungono poi febbre alta, sensibilità alla luce e ai rumori forti.