Benessereblog Alimentazione Nutrizione Cosa mangiare con il mal di gola

Cosa mangiare con il mal di gola

Chi ha il mal di gola spesso fa difficoltà a mangiare o ad assumere liquidi. Le mucose irritate e infiammate, infatti, provocano una sensazione di dolore e fastidio che rende la deglutizione un vero e proprio inferno. Per questo andrebbero assunti solo cibi freddi, liquidi o semiliquidi, prediligendo tutti quegli alimenti ricchi di minerali e di vitamine, che possono aiutarci non solo a combattere l'infezione, ma anche a recuperare le forze perdute.

Cosa mangiare con il mal di gola

Il mal di gola può provocare un dolore più o meno intenso, che può avere conseguenze anche molto pesanti sulla salute, oltre che sull’appetito. Spesso non si riesce a ingerire niente, perché anche la semplice deglutizione comporta uno sforzo doloroso troppo immane. L’inappetenza e la disidratazione, dunque, sono dietro l’angolo. Cosa mangiare con il mal di gola per cercare di rimettersi in forma il più velocemente possibile, assumendo anche cibi che possono combattere il fastidio?

Cosa mangiare se ho il mal di gola?

Quando si ha mal di gola, deglutire è decisamente difficile, perché si prova una sensazione di dolore e fastidio più o meno intensa, a seconda della gravità dell’infezione (infezione provocata nella maggior parte dei casi da un virus). Non avere voglia di mangiare è normale, ma dovremmo cercare di sforzarci, magari facendo piccoli pasti leggeri e portando in tavola gli alimenti utili per combattere il mal di gola.

I cibi migliori per il mal di gola, per quello che riguarda la consistenza e la presenza al loro interno di vitamine e minerali utili a contrastare l’infezione che ha provocato il fastidio, sono:

  • brodo (reintegra i liquidi persi)
  • yogurt (fonte di proteine, carboidrati, grassi sani, probiotici)
  • miele (un rimedio naturale utile contro le infezioni)
  • uova (ricche di zinco, ferro, selenio, vitamina B12, vitamina D)
  • fiocchi d’avena (ricchi di magnesio, zinco e antiossidanti)
  • purè di patate (ricco di magnesio, vitamina C e antiossidanti)
  • zenzero (svolge azione antidolorifica, antinfiammatoria e antiossidante)
  • gelati (il cibo freddo aiuta a lenire il dolore alla gola e a ridurre l’infiammazione)
  • frullati di frutta (in particolare di arance e frutti di bosco)
  • vellutate fredde di verdure (ad esempio di cavolo o di sedano)
  • mele (svolgono azione antinfiammatoria e sono ricche di fibre, antiossidanti e vitamina C)
  • melone (ricco di vitamine A e C)

Cosa non fare ho il mal di gola?

Quando si ha il mal di gola, ci sono delle cose che non andrebbero mai fatte:

  • fumare o respirare fumo passivo, perché altrimenti andiamo a irritare ancora di più le mucose infiammate
  • mangiare cibo piccante, che possono irritare le mucose e aumentare la sensazione di dolore
  • condividere bicchieri, posate o lo spazzolino da denti per evitare di contagiare altre persone
  • rimanere a lungo in ambienti con un’umidità troppo alta, che secca ancora di più le mucose irritandole maggiormente
  • prendere antibiotici o farmaci che non sono stati prescritti dal medico: ricordiamo, infatti, che gli antibiotici si devono prendere solo in caso di infezioni batteriche diagnosticate

14 rimedi naturali per combattere il mal di gola

mal di gola

Non riesco a mangiare per il mal di gola, cosa fare

Se noti che la situazione non migliora, meglio contattare il medico curante. I cibi freddi e liquidi o semiliquidi di solito vengono assunti bene da chi soffre di mal di gola. Se, invece, non riesci a mandare giù proprio niente e se anche l’acqua ti dà fastidio, allora è meglio farsi visitare subito dal dottore di base, che saprà dare utili consigli per cercare di rimettersi in forze il prima possibile.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Cosa deve e non deve mangiare chi ha l’anemia mediterranea
Malattie

Chi ha l’anemia mediterranea, anche in base alla gravità della patologia del sangue, che è ereditaria e può essere trasmessa ai propri figli, deve prestare massima attenzione agli alimenti ricchi di ferro, per evitare accumuli. Il ferro è presente in alimenti di tipo animale e di tipo vegetale, anche se l’assorbimento è maggiore nei primi rispetto ai secondi e varia anche in base alle condizioni di salute di ogni paziente.