Benessereblog Salute Cos’è la progeria e come si diagnostica

Cos’è la progeria e come si diagnostica

Cos’è la progeria e come si diagnostica

Cos’è la progeria

? Il termine è tornato di stretta attualità dopo l’intervento subito da Sammy Basso, il ragazzo 23enne italiano conosciuto come il paziente più longevo affetto da questa sindrome, che in Italia conta 5 casi e nel mondo appena un centinaio. La Sindrome di Hutchinson-Gilford o progeria è una malattia genetica rara che si caratterizza per invecchiamento precoce dei bambini.

Esistono diverse forme di progeria, anche se la più comune è la Sindrome di Hutchinson-Gilford, che deve il suo nome ai due medici che per prima ne hanno colto le evidenze.

La progeria colpisce un bambino ogni 4-8 milioni di nati. La malattia è provocata da una mutazione del gene LMNA. I bambini nascono sani, ma nei primi mesi di vita si possono riconoscere alcuni dei sintomi della patologia:

  • indurimento della pelle
  • scarsa crescita staturo-ponderale
  • reticolo venoso evidente
  • insufficienza del grasso sottocutaneo

A 18-24 mesi si possono riconoscere i segni dell’invecchiamento precoce con sintomi come calo della crescita, pelle che sembra vecchia, perdita dei capelli, perdita del grasso corporeo, arteriosclerosi, malattie del cuore, infarto, rigidità delle giunture.

Diagnosi di progeria

Come si esegue una diagnosi di progeria? La diagnosi viene eseguita in base a segni e sintomi tipici dell’invecchiamento. Tra i segni utilizzati per la diagnosi ricordiamo:

  • cute secca e sottile
  • alopecia e calvizie
  • basso peso
  • bassa statura
  • micrognazia
  • sproporzione cranio facciale
  • occhi protundenti
  • sclere blu
  • addome pronunciato e torace stretto

La conferma, però, può arrivare da un test genetico per mutazioni al gene LMNA.

Sopravvivenza

Solitamente i pazienti affetti da progeria non superano i 20 anni di età, a causa di malattie tipiche dell’invecchiamento, come cardiopatie, infarti o ictus, che insorgono in giovane età.

Cure

Non esiste una cura per la progeria, ma solo trattamenti per curare o prevenire alcune delle più importanti conseguenze. La ricerca, però, va avanti.

Foto iStock

Via | Progeria Italia

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social