Benessereblog Salute Convulsioni febbrili nei bambini, l’intervento di primo soccorso

Convulsioni febbrili nei bambini, l’intervento di primo soccorso

Le convulsioni febbrili nel bambino si possono manifestare quando la temperatura del loro corpo sale in maniera improvvisa, arrivando a raggiungere livelli anche molto elevati. La prima volta che succede, è normale che mamma e papà siano preoccupati, ma quello che più conta è cercare di mantenere la calma: ricordatevi che non sono da collegare a stati di epilessia del bambino, dal momento che non sono altro che una reazione naturale del corpo alla temperatura che sale improvvisamente.

Convulsioni febbrili nei bambini, l’intervento di primo soccorso

Il primo soccorso in caso di convulsioni febbrili nel bambino è davvero importante: è di fondamentale importanza che mamma e papà e chiunque altro trascorra del tempo con il bambino (nonni, baby sitter, ma anche maestre dell’asilo) sappiano esattamente cosa fare quando si manifestano queste convulsioni, che si possono presentare dai sei mesi di vita e fino intorno ai 5 anni.

Come riconoscere le convulsioni febbrili dei bambini? Di solito i piccoli sono privi di conoscenza, il loro corpo è rigido, la testa viene portata all’indietro e gli occhi cominciano a roteare. Il loro corpicino sembra essere attraversato da vere e proprie scosse elettriche. Gli episodi di solito durano poco e lasciano il bambino stanco e a volte anche un po’ impaurito. Ecco cosa possono fare mamma e papà.

Innanzitutto, chiamate il 118 spiegando all’operatore con calma quello che sta succedendo. Nell’attesa cercate di far scendere la temperatura del bambino con una borsa del ghiaccio, delle pezze umide da sistemare sotto le ascelle e ai lati del collo. Se è troppo vestito, cominciate a spogliarlo un po’. Le convulsioni devono fare il loro corso: lasciate che il suo corpo si esprima senza intervenire, evitando solo che si faccia male e che si metta in situazioni di pericolo, mettendolo su un fianco in posizione laterale di sicurezza. Accarezzategli la testa e con voce calma tranquillizzatelo, dicendogli che mamma e papà sono lì vicino, che andrà tutto bene e che tutto finirà subito.

Quando le convulsioni febbrili sono terminate, fatelo comunque visitare da un medico.

Foto | da Flickr di angryjuliemonday

Via | OspedaleBambinoGesù

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Debridat, quando prenderlo?
Terapie e Cure

Il momento esatto per prendere questo farmaco può variare a seconda delle indicazioni mediche. In generale, viene consigliato di assumere Debridat prima dei pasti per ottimizzare i suoi effetti sulla motilità gastrointestinale. Tuttavia, è importante seguire le istruzioni del medico o del farmacista e aderire al regime di dosaggio prescritto. La corretta assunzione contribuisce a regolare la motilità del tratto digestivo, offrendo un sollievo dai sintomi che si accusano.