Benessereblog Salute Corpo Come usare le lenti a contatto correttamente: 7 cose da sapere

Come usare le lenti a contatto correttamente: 7 cose da sapere

Le lenti a contatto sono delle ottime alternative agli occhiali da vista, anche se non tutti possono indossarle. Bisognerebbe prima fare una visita dall'oculista sia per capire se si tratta di una soluzione valida per le nostre esigenze sia per comprendere come usarle. Bisognerebbe sempre lavarsi le mani prima di metterle, aspettare un po' al mattino prima di indossarle e non tenerle mai quando si dorme di notte. I rischi, non usandole correttamente, sono davvero molti.

Come usare le lenti a contatto correttamente: 7 cose da sapere

Le lenti a contatto sono un’ottima alternativa a chi deve indossare gli occhiali da vista. Sia in caso di sport o di altra attività oppure quando non vogliamo indossare gli occhiali, le lenti a contatto sono davvero utili. A patto di sapere come usarle, altrimenti il rischio è quello di avere particolari problemi di salute. Scopriamo, allora, insieme, le 7 cose da sapere su come usare le lenti a contatto correttamente.

Cosa si deve fare prima di mettere le lenti a contatto

Quando si usano le lenti a contatto, è bene prestare attenzione a come si applicano o si rimuovono e a come si curano. Per metterle, ecco cosa dobbiamo fare:

  • laviamo bene le mani, sciacquandole con cura e asciugandole con un asciugamano
  • posizioniamo la lente di contatto sul polpastrello e poi controlliamo che non si sia capovolta appoggiandola
  • mettiamo la lente sul polpastrello dell’indice e con l’altra mano solleviamo la palpebra superiore con le dita
  • cerchiamo di non sbattere gli occhi per pochissimi secondi, così da poter posizionare bene la lente a contatto senza problemi
  • avviciniamo l’indice all’occhio per poter far aderire la lente alla cornea: dobbiamo posizionarla al centro
  • muoviamo l’occhio dall’alto verso il basso per capire se è tutto a posto

Quanto tempo si può stare con le lenti a contatto

A seconda del tipo di lenti le possiamo usare per più tempo o per meno tempo. In caso di lenti a contatto morbide, non dovremmo tenerle per più di otto ore consecutive. Invece, in caso di lenti rigide, non dobbiamo superare le dodici ore, perché sono più traspiranti delle prime e quindi gli occhi soffrono di meno.

Quante volte al giorno si possono mettere le lenti a contatto

Le lenti a contatto giornaliere non si possono riutilizzare come si fa con le quindicinali o le mensili. Trascorse 24 ore devono essere gettate via, altrimenti potremmo incappare in infezioni batteriche. Se le rimettiamo sull’occhio possono causare anche irritazione o infiammazione, come la cheratite che colpisce la cornea e può essere molto pericolosa. Dopo 24 ore dall’apertura della confezione, bisogna per forza buttarle via.

Le lenti a contatto, però, anche se giornaliere, si possono riutilizzare più volte durante lo stesso giorno: il massimo è di 8 ore non consecutive, ma possiamo metterle e toglierle, seguendo gli accorgimenti prima descritti. Lo stesso vale anche per le lenti quindicinali e mensili, che possono essere messe e tolte più volte al giorno.

Dove non usare le lenti a contatto

Non tutte le persone possono usare le lenti a contatto. Prima di indossarle per la prima volta è bene sottoporsi a una visita oculistica specialistica per capire se sia possibile o meno. Gli oculisti però consigliano di non tenerle per più di 10 ore al giorno, di non indossarle appena svegli e di rimuovere prima di andare a dormire. Mai indossarle quando si è a letto e si dorme: possiamo ritrovarci con un edema corneale al risveglio.

Inoltre, è bene evitare di indossarle se si pratica nuoto: le lenti a contatto non vanno mai indossate in acqua, perché potrebbero contaminarsi con agenti patogeni potenzialmente dannosi per la salute dei nostri occhi. Ovviamente, nemmeno i bambini dovrebbero usarle.

lenti a contatto

Come faccio a sapere se ho messo la lente a contatto

Quando mettiamo una lente sull’occhio, potremmo non sentirla bene o avere la sensazione che non sia al suo posto. Potremmo anche vederci non proprio bene e potrebbe anche venirci il dubbio che non sia stata sistemata in modo corretto. La lente “potrebbe” essersi persa. Il trucco per capire se è tutto ok è semplice. Possiamo applicare delle lacrime artificiali, massaggiando la palpebra inferiore dell’occhio (e tenendo l’altro occhio chiuso). Di solito la lente va a posto da sola.

Cosa fare se una lente a contatto cade a terra

A volte può capitare che una lente ci scivoli per terra mentre la stiamo sistemando. Cosa possiamo fare per non doverla buttare via? Niente paura: la possiamo raccogliere e pulire con le soluzioni che solitamente usiamo per la detersione delle lenti a contatto. Solamente dopo questo passaggio possiamo rimetterla. Mai rimetterla dopo averla raccolta da terra e non averla disinfettata con cura.

Come faccio a capire se la lente a contatto è al contrario

Come abbiamo già accennato in precedenza, prima di sistemare la lente a contatto nel nostro occhio dobbiamo controllare che la stessa non si sia capovolta. Mettiamola sulla punta del dito e guardiamola controluce. Se i bordi flettono verso l’esterno, allora la risposta è sì: la lente a contatto è capovolta. Se invece sembra una coppa e i bordi sono verso l’alto, possiamo procedere con l’inserimento nell’occhio. Esistono anche lenti con indicatori per capire facilmente se le sono dritte o capovolte.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Fai tanta pipì durante la notte? Ecco perché
Corpo

Fare tanta pipì durante la notte è un problema medico noto con il nome di “nicturia”. Per quanto non sia un disturbo rischioso, alcune delle cause sottostanti potrebbero compromettere la nostra salute. Per questo motivo, è importante esporre il problema al proprio medico curante o a uno specialista, per trovare la soluzione più adatta.