Benessereblog Alimentazione Come si utilizzano i germogli per la salute

Come si utilizzano i germogli per la salute

Se parli a chiunque di alimentazione naturale e germogli, subito vengono in mente i germogli di soia, dimenticando che da ogni seme si possono produrre germogli salutari, come ad esempio dalla alfa alfa, dal seme di senape o dal fagiolo.I germogli, di qualunque tipo, sono un cibo depurativo e riparatore nello stesso tempo. Efficaci per […]

Come si utilizzano i germogli per la salute

Se parli a chiunque di alimentazione naturale e germogli, subito vengono in mente i germogli di soia, dimenticando che da ogni seme si possono produrre germogli salutari, come ad esempio dalla alfa alfa, dal seme di senape o dal fagiolo.

I germogli, di qualunque tipo, sono un cibo depurativo e riparatore nello stesso tempo. Efficaci per disintossicare e ridare energia. Benefici per le donne in gravidanza, per le persone in convalescenza, i metereopatici, i depressi. Si possono considerare una vera e propria bomba vitaminica.

Le vitamine nei germogli, in particolare la vitamina A, e la B12, sono assimilabili in maniera molto veloce dall’organismo. La ricchezza di ferro, anche questo subito assimilabile, rende utile il loro consumo a chi ha bisogno d’energia e salute in maniera immediata e per una disintossicazione profonda.

Molti se li fanno in casa con i germogliatori in terracotta. Io preferisco sia per i semi che per i germogliatori i prodotti della Ki group, in particolare quelli di alfa alfa, ottimi e salutari nelle insalate.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Il caffè fa male ai reni?
Nutrizione

Il caffè non fa male ai reni se consumato con moderazione. L’assunzione eccessiva di caffeina, presente nel caffè e in altre bevande, può contribuire ad aumentare la pressione sanguigna, un fattore dannoso per la salute renale. Tuttavia, fino ad oggi, non ci sono prove scientifiche che suggeriscano una controindicazione al consumo moderato di caffeina (2-3 tazzine di caffè al giorno) per soggetti sani o con malattie renali. Con le dovute eccezioni in caso di anziani, bambini e non solo.