Benessereblog Bellezza Cura corpo Come curare un tatuaggio in estate

Come curare un tatuaggio in estate

Per curare un tatuaggio in estate, evitate l'esposizione diretta ai raggi del sole e proteggetelo con vestiti leggeri e una crema solare ad alto fattore di protezione. Evitate l'acqua clorata o salata durante la guarigione per evitare che il colore si sbiadisca e di fare il bagno a mare o in piscina per evitare infezioni. Attendete almeno 2-4 settimane prima di prendere il sole direttamente sul tatuaggio e mantenete la pelle idratata e pulita, seguendo le indicazioni del tatuatore.

Come curare un tatuaggio in estate

Fonte immagine: Pexels

Come curare un tatuaggio in estate è il cruccio di chi ha deciso di farlo poco prima o durante la bella stagione. I tatuaggi sono opere d’arte sulla pelle che richiedono cure speciali durante il processo di guarigione. Durante l’estate, quando il sole è intenso e le attività all’aperto sono più frequenti, la loro cura diventa ancora più importante. In questo articolo, approfondiamo alcune linee guida essenziali a riguardo.

Come curare un tatuaggio in estate

La cura di un tatuaggio è fondamentale per evitare infezioni, perdita di colore e cicatrici. Durante l’estate, diversi fattori possono complicarne la guarigione. Per questo, è necessario mettere in pratica alcuni accorgimenti. Ad esempio, bisogna proteggerlo dal sole: evitate l’esposizione diretta ai raggi solari specie durante le ore più calde della giornata e coprite il tatuaggio con abiti leggeri o panni puliti. Inoltre, applicate una crema solare ad ampio spettro con un alto fattore di protezione solare ogni volta che lo esponete al sole.

Evitate inoltre di immergere il tatuaggio in piscine, laghi o mare fino a quando non è completamente guarito. L’acqua può contenere batteri o agenti irritanti che possono infettarlo. Inoltre, l’acqua salata ed il cloro, possono seccare e sbiadirne il colore. Eventualmente, copritelo con della pellicola trasparente impermeabile se avete intenzione di nuotare.

Ancora, mantenete il tatuaggio pulito e igienizzato. Lavatelo con acqua tiepida e un sapone neutro senza profumi o coloranti due volte al giorno. Usate le mani pulite o un batuffolo di cotone per applicare il sapone, quindi risciacquate con cura e tamponate delicatamente. Asciugatelo con un panno pulito senza strofinare. Evitate di indossare abiti aderenti che possono strofinare o irritare la zona tatuata. E l’attività fisica intensa, che può causare sudorazione eccessiva e irritare il tatuaggio.

come curare un tatuaggio in estate
Fonte: Pixabay

Come coprire un tatuaggio al mare?

Se avete da poco fatto un tatuaggio e desiderate coprirlo al mare, innanzitutto applicate sopra una protezione solare 50, riapplicandola regolarmente anche sulla pelle circostante, e sempre dopo aver fatto un bagno. Indossate indumenti leggeri ma protettivi come camicie a maniche lunghe, copricostumi o pantaloni leggeri, a seconda della zona nella quale l’avete fatto. Cercate di rimanere il più possibile all’ombra o sotto l’ombrellone.

Come velocizzare la guarigione di un tatuaggio?

Non c’è molto che si possa fare per velocizzare la guarigione di un tatuaggio: questo richiede tempo e pazienza. Sicuramente, però, si possono mettere in atto le raccomandazioni del tatuatore. Sia per quanto riguarda la pulizia che l’applicazione di creme o pomate curative. Abbiate l’accortezza di mantenere la pelle idratata applicando una crema specifica per la cura dei tatuaggi sulla pelle pulita e asciutta per almeno una settimana, meglio due. Ancora, evitate di grattare o strofinare la pelle sulla quale è stato eseguito il tatuaggio.

Quando prendere il sole dopo tatuaggio?

Bene, ma quando si può prendere il sole dopo un tatuaggio? Generalmente, si consiglia di aspettare almeno 2-4 settimane prima di esporlo direttamente ai raggi solari. Durante questo periodo, la pelle si sta ancora riprendendo e sta gradualmente guarendo dall’inserimento dell’inchiostro. E’, in sostanza, come se fosse una ferita della pelle, e per questo va protetta.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Come eliminare un punto nero incistato
Cura corpo

Eliminare un punto nero incistato può non essere semplice, specie in casa. In casi come questo può essere utile ricorrere al dermatologo, il quale nel proprio studio, e con gli attrezzi giusti, può portare a compimento l’operazione in modo sicuro ed efficace. A chi voglia provare da solo, si consiglia di optare per un estrattore di punti neri o per un aspiratore, entrambi strumenti ampiamente diffusi in commercio.