Benessereblog Salute Come combattere l’antibiotico resistenza?

Come combattere l’antibiotico resistenza?

Come combattere l’antibiotico resistenza?

L’antibiotico resistenza rappresenta uno dei più grandi problemi sanitari della società moderna. In un periodo in cui non si fa che parlare di virus e di Covid, è importante non sottovalutare anche le altre potenziali minacce che mettono a rischio il benessere della popolazione mondiale. Fra queste vi è ad esempio la cosiddetta “resistenza agli antibiotici”.

Questo fenomeno è da molto tempo oggetto di attenzione da parte degli esperti di tutto il mondo.

Ma quali comportamenti favoriscono la resistenza agli antibiotici? E quali sono i rischi ai quali stiamo andando incontro?

In primo luogo, l’uso scorretto e improprio di questi farmaci può portare alla selezione di batteri resistenti agli antibiotici e alla conseguente diffusione di tali batteri. In poche parole, tutto ciò potrebbe rendere difficile o impossibile riuscire a curare delle malattie (anche delle infezioni comuni), causando conseguenze come invalidità e persino un maggior rischio di morte.

Se c’è una cosa che abbiamo imparato durante questo anno e mezzo di pandemia, è che il mondo non ha confini, specialmente quando si parla di malattie. Quella dei batteri resistenti agli antibiotici può dunque diventare una minaccia a livello globale. Per questa ragione è importante mettere in atto dei comportamenti che permettano di combattere l’antibiotico resistenza.

Ecco come combattere l’antibiotico resistenza

Le strategie individuate dagli esperti sono molteplici. In molti casi, siamo proprio noi cittadini a dover mettere in pratica dei comportamenti più coscienziosi.

In particolar modo, gli esperti consigliano di assumere gli antibiotici solo se e quando è il medico a prescriverli. Inoltre, è fondamentale non assumerne delle quantità superiori o inferiori rispetto a quelle prescritte. Non interrompete la cura prima del previsto. Così facendo non solo ridurreste l’efficacia del trattamento, ma potrebbe anche aumentare il rischio che i batteri sviluppino resistenza nei confronti di quel particolare antibiotico.

Se dovessero rimanere delle pillole inutilizzate e scadute, chiedete al farmacista come eliminarle in modo corretto. Per prevenire la diffusione dei batteri resistenti, sarà infine fondamentale mettere in pratica le ormai ben note norme di igiene e prevenzione, a cominciare dall’accurato lavaggio delle mani e da una corretta disinfezione.

via | Salute.Gov.it
Foto di Arek Socha da Pixabay

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social