Benessereblog Salute Corpo Caffè in gravidanza: effetti anche sul cervello del bambino

Caffè in gravidanza: effetti anche sul cervello del bambino

Caffè in gravidanza: effetti anche sul cervello del bambino

Bere caffè in gravidanza vi renderà sicuramente più sveglie e vigili, ma purtroppo potrebbe anche influenzare lo sviluppo del cervello del vostro bambino. A suggerirlo è un nuovo studio ad opera dei membri della University of Rochester Medical Center, secondo i quali tra gli effetti del caffè in gravidanza rientra anche il rischio di alterare importanti percorsi cerebrali, arrivando a favorire lo sviluppo di problemi comportamentali nel bambino, che si manifesteranno più avanti nella vita.

Per il loro studio, gli autori hanno analizzato le scansioni cerebrali di oltre 9.000 bambini di 9 e 10 anni, ed hanno osservato che quelli che erano stati esposti alla caffeina in utero hanno riportato dei cambiamenti nella struttura del cervello.

Sono piccoli effetti che non causano condizioni psichiatriche gravi. Tuttavia possono provocare problemi comportamentali minimi ma evidenti, che dovrebbero farci considerare i possibili effetti a lungo termine dell’assunzione di caffeina durante la gravidanza,

spiegano gli autori. Ma chi beve caffè in gravidanza a quali rischi potrebbe esporre il proprio bambino? Elevati problemi comportamentali, difficoltà di attenzione e iperattività: sono questi alcuni dei principali sintomi che i ricercatori hanno osservato nei figli di donne incinte che bevono questa bevanda.

Caffè in gravidanza, si può bere? Meglio evitare

Caffè pronto

Del resto, già studi precedenti avevano evidenziato che la caffeina può avere un effetto negativo sulla gravidanza. Un feto infatti non possiede l’enzima necessario per scomporre la caffeina quando attraversa la placenta. Il nuovo studio rappresenta dunque un’ulteriore conferma dell’impatto del caffè sullo sviluppo del feto.

Le attuali linee guida cliniche suggeriscono già di limitare l’assunzione di caffeina durante la gravidanza – non più di due normali tazzine di caffè al giorno. A lungo termine, speriamo di poter sviluppare una migliore guida per le madri.

In attesa che ciò accada, se vi state chiedendo quando bere e quando non bere caffè, rivolgetevi sempre al vostro medico per eliminare ogni dubbio e proteggere il benessere del vostro bambino.

via | ScienceDaily
Foto di poohchisa tunsiri da Pixabay
Foto di congerdesign da Pixabay

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social