Benessereblog Benessere Genitori e figli Bere alcol in gravidanza aumenta il rischio di 400 malattie per il bambino

Bere alcol in gravidanza aumenta il rischio di 400 malattie per il bambino

Bere alcol in gravidanza aumenta il rischio di 400 malattie per il bambino

Bere alcol in gravidanza aumenta il rischio di più di 400 patologie per il bambino. Questo è quanto emerge da uno studio pubblicato su The Lancet, che analizza il Spettro dei disordini feto-alcolici (FASD), un termine ampio che descrive la gamma di disabilità che possono verificarsi nei pazienti in seguito a un’esposizione all’alcol prima della nascita. Nel corso dello studio, gli esperti hanno identificato 428 patologie diverse, che possono verificarsi nelle persone con FASD.

Abbiamo identificato numerose patologie co-occorrenti con FASD, che sottolineano il fatto che non è sicuro bere nessuna quantità o tipo di alcol, in qualsiasi fase della gravidanza, nonostante i messaggi contrastanti che il pubblico può sentire

spiegano giustamente gli autori della ricerca, che aggiungono:

L’alcol può colpire qualsiasi organo o sistema nel feto in via di sviluppo.

La gravità e sintomi della FASD variano in base a quanto e quando l’alcool è stato consumato, e in base a fattori come i livelli di stress della madre, l’alimentazione e le influenze ambientali. Gli effetti sono influenzati anche da fattori ambientali. Le malattie possono interessare quasi tutto il corpo, compreso sistema nervoso centrale (cervello), vista, udito, sistema cardiaco, circolazione, digestione, e sistemi muscolo-scheletrici e respiratorio.

via | TheHealthSite

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social