Benessereblog Benessere Alcol in gravidanza, anche in piccole dosi è rischioso per il bambino

Alcol in gravidanza, anche in piccole dosi è rischioso per il bambino

Le prove in uno studio coordinato dall'Iss

Alcol in gravidanza, anche in piccole dosi è rischioso per il bambino

Bere alcol in gravidanza può mettere in pericolo la salute del bambino anche se ci si limita a piccole dosi. A suggerirlo è uno studio pubblicato sulla rivista Clinical Chemistry and Laboratory Medicine da un gruppo di ricercatori coordinato da Simona Pichini, esperta del nostro Istituto Superiore di Sanità (Iss).

La ricerca ha previsto di misurare la presenza di marcatori dell’esposizione all’alcol in 80 coppie mamma-bambino. In particolare, i ricercatori di sono concentrati sui segnali dell’esposizione all’etanolo presenti nei capelli delle donne e nel meconio (il materiale contenuto nell’intestino del feto) dei loro bambini.

E’ stato così scoperto che quando è possibile rilevare il consumo materno di alcol analizzando i capelli della donna è possibile rilevarlo anche nel meconio, soprattutto se l’assunzione di alcolici è avvenuta nel secondo e nel terzo trimestre di gravidanza.

Questo studio

concludono gli autori nella loro pubblicazione

fornisce evidenze dell’esposizione provata del feto all’etanolo durante il secondo e il terzo trimestre di gestazione.

Via | Clinical Chemistry and Laboratory Medicine

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Perché si dice rosso di rabbia?
Psicologia

La rabbia può essere un’emozione positiva e utile, se espressa in modo appropriato. Ma quando ci lasciamo prendere la mano, può accadere che tale sentimento prenda il sopravvento, con tutte le prevedibili conseguenze che comporta. Tra le sue manifestazioni c’è anche il rossore del viso: in questo articolo ci preoccupiamo di spiegare scientificamente perché questo accade ed il significato che si cela dietro la frase “rosso di rabbia”.