Benessereblog Salute Apnee notturne: le conseguenze per la salute e i rischi per chi guida

Apnee notturne: le conseguenze per la salute e i rischi per chi guida

Lo sapete che le apnee notturne possono avere gravi conseguenze per la salute?

Apnee notturne: le conseguenze per la salute e i rischi per chi guida

Guarda la galleria: Apnee notturne

Le apnee notturne possono avere gravi conseguente per la salute, come sottolineano i dati dell’Osservatorio Internazionale della Salute (OIS), che ha condotto un’indagine tra i medici di diverse specializzazioni per parlare di una malattia poco conosciuta. L’OSAS, la Sindrome delle Apnee Ostruttive, si caratterizza con il temporaneo collasso di alcune strutture anatomiche della gola: l’aria non riesce a entrare nei polmoni e questo provoca riduzioni di ossigeno nel sangue.

Le conseguenze sono molte:

    ipertensione arteriosa
    patologie ischemiche cardiache
    stanchezza
    sonnolenza

La stanchezza e la sonnolenza durante il giorno possono mettere a rischio la sicurezza di chi guida: secondo l’ACI queste sono le cause di un quinto degli incidenti stradali e sono una delle principali cause di incidenti mortali in autostrada. Secondo una ricerca dell’Università di Genova, Ministero degli Interni, Istituto Superiore di Sanità e altre istituzioni sanitarie, pubblicata sulla rivista Chronic Respiratory Disease, l’OSAS provoca ogni anno circa il 7% degli incidenti con morti e feriti, con più di 200 decessi e 12mila lesionati.

Proprio per questo, la Direttiva Europea 2014/85/UE del 1° luglio 2014 prevede forti restrizioni al rilascio della patente per chi soffre della sindrome delle apnee ostruttive del sonno.

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Pleurite: i sintomi da riconoscere subito
Malattie

La pleurite è un’infiammazione della pleura, una sottile membrana che riveste la cavità toracica e i polmoni. I sintomi più comuni sono dolore al petto, che può peggiorare con la tosse o con la respirazione profonda, e difficoltà respiratorie. Altri sintomi possono includere febbre, sudorazione notturna ed affaticamento. La pleurite può essere causata da un’infezione, come la polmonite, o da una malattia autoimmune. Alla comparsa dei primi segnali è opportuno contattare immediatamente il medico.