Benessereblog Salute Antibiotico resistenza alta in Italia, ma diminuisce l’uso di questi farmaci

Antibiotico resistenza alta in Italia, ma diminuisce l’uso di questi farmaci

Antibiotico resistenza alta in Italia, ma diminuisce l’uso di questi farmaci

Sul fronte degli antibiotici abbiamo una bella notizia e una brutta notizia, almeno per quello che riguarda i dati in Italia. I dati sono stati resi noti dal rapporto “Consumo di antimicrobici e resistenza nei batteri dell’uomo e degli animali“, stilato dall’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa), Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) e Agenzia europea per i medicinali (Ema). La bella notizia riguarda il “consumo” di questi farmaci. Mentre la brutta, purtroppo, riguarda sempre l’antibiotico resistenza.

Se da un lato, infatti, si utilizzano meno antibiotici, sia negli animali sia nel trattamento di patologie nelle persone, dall’altro lato la resistenza a questa tipologia di medicinali rimane alta, con numeri che sono tra i maggiori del vecchio continente. In Europa, infatti, l’uso di antibiotici in allevamento è per la prima volta in assoluto minore rispetto al consumo umano, secondo i dati relativi al periodo che va dal 2016 al 2018. Bernhard Url, direttore Efsa, commenta con cauto entusiasmo questa notizia:

L’uso di antibiotici è diminuito e, per la prima volta, è inferiore negli animali da produzione alimentare che nell’uomo. Si tratta di una notizia incoraggiante che ci porta a ritenere che le misure in atto siano efficaci e la strada imboccata quella giusta.

Come combattere l’antibiotico resistenza?

Uso di antibiotici e antibiotico resistenza in Italia e in Europa

Per quello che riguarda le aminopenicilline, le cefalosporine di 3a e 4a generazione e i chinoloni, stiamo parlando di farmaci più usati negli esseri umani rispetto agli allevamenti. Al contrario le polimixine (colistina) e le tetracicline si trovano maggiormente come somministrazione in animali da produzione alimentare.

In Italia leggiamo una lieve diminuzione dei consumi nel periodo di tempo preso in considerazione da questo rapporto. Che però sottolinea come la resistenza agli antibiotici, proprio per gli usi sconsiderati fatti in passato, rimane non solo stabile, ma anche a livelli decisamente alti e preoccupanti.

Via | Ansa

Foto di Steve Buissinne da Pixabay

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social