Benessereblog Benessere Psicologia Ansia e stress da smartphone muto, il nervosismo paradossale di un telefono in silenzio

Ansia e stress da smartphone muto, il nervosismo paradossale di un telefono in silenzio

Notificami o vado in ansia!

Ansia e stress da smartphone muto, il nervosismo paradossale di un telefono in silenzio


Leggo di una recente ricerca che ha scovato un’associazione tra ansia e stress e lo smartphone. No, non quando squilla troppo, bensì quando resta muto. Pare che soprattutto tra gli adolescenti non ricevere notifiche o aspettarle con fervente trepidazione (troppa a volte) possa scatenare malumore e disturbi anche gravi come visioni uditive, compulsività, insoddisfazione.

Ad esempio, pensare di aver sentito il suono di una notifica quando invece intorno regna il silenzio. L’ansia da notifica è meno sentita tra gli adulti. Sarà, ad ogni modo per chi è stressato dall’eccesso di comunicazione, invece, e riceve comunicazioni di lavoro ovunque proprio a causa dello smartphone, credo che un telefono in silenzio sia terapeutico, altro che. Provate.

Via | Daily Mail
Foto | Flickr

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Perché si dice rosso di rabbia?
Psicologia

La rabbia può essere un’emozione positiva e utile, se espressa in modo appropriato. Ma quando ci lasciamo prendere la mano, può accadere che tale sentimento prenda il sopravvento, con tutte le prevedibili conseguenze che comporta. Tra le sue manifestazioni c’è anche il rossore del viso: in questo articolo ci preoccupiamo di spiegare scientificamente perché questo accade ed il significato che si cela dietro la frase “rosso di rabbia”.