Benessereblog Salute Analisi per intolleranze alimentari, quali sono i test con valore scientifico?

Analisi per intolleranze alimentari, quali sono i test con valore scientifico?

Sono molti i test per le intolleranze alimentari, ma in realtà gli esami e le intolleranze riconosciute scientificamente sono poche.

Analisi per intolleranze alimentari, quali sono i test con valore scientifico?

Sono sempre più frequenti le allergie e le persone che sostengono di avere un’intolleranza alimentare. Prima di modificare la propria dieta, soprattutto senza consiglio medico, è meglio eseguire le analisi. Le intolleranze scientificamente riconosciute, quindi quella al lattosio e al glutine, sono diagnosticate con test specifici eseguiti da un gastroenterologo.

Per la diagnosi di intolleranza al lattosio si ricorre al breath test, per la celiachia invece sono indicati test sierologici (anticorpi antitranglutaminasi, antiendomisio, antigliadina deaminata) che ricercano nel sangue del paziente la presenza degli anticorpi specifici. Il test del respiro e gli esami del sangue si effettuano la mattina a digiuno, senza che il paziente abbia fumato o svolto attività fisica.

Un altro esame che il medico potrebbe richiedere è l’esofagogastroduodenoscopia, un esame invasivo che viene prescritto dallo specialista a conferma della diagnosi di malattia celiaca. Si inserisce nell’esofago, lo stomaco e il duodeno un endoscopio con telecamera e vengono effettuate le biopsie per la conferma istologica della celiachia. In questo caso, l’esame si esegue a digiuno e in regime di sedazione.

Via | Humanitas

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Debridat, quando prenderlo?
Terapie e Cure

Il momento esatto per prendere questo farmaco può variare a seconda delle indicazioni mediche. In generale, viene consigliato di assumere Debridat prima dei pasti per ottimizzare i suoi effetti sulla motilità gastrointestinale. Tuttavia, è importante seguire le istruzioni del medico o del farmacista e aderire al regime di dosaggio prescritto. La corretta assunzione contribuisce a regolare la motilità del tratto digestivo, offrendo un sollievo dai sintomi che si accusano.