Benessereblog Alimentazione Alimentazione, il fast food può aumentare l’esposizione agli ftalati

Alimentazione, il fast food può aumentare l’esposizione agli ftalati

Le persone che mangiano troppo cibo dei fast food sono esposte a livelli elevati di sostanze chimiche potenzialmente dannose note come ftalati. Ecco cosa emerge da una nuova ricerca.

Alimentazione, il fast food può aumentare l’esposizione agli ftalati

Alimentazione – Mangiate spesso al Fast Food? Allora potreste essere esposti a livelli elevati di sostanze chimiche potenzialmente dannose note come ftalati. Questo è quanto emerge da uno studio pubblicato dai membri della George Washington University e pubblicato sulla rivista Environmental Health Perspectives, secondo cui le persone che mangiano più spesso al fast food presentano livelli di ftalati (sostanze chimiche industriali aggiunte alla plastica e collegate a una serie di problemi di salute nei bambini e negli adulti) che arrivano fino al 40 per cento in più rispetto a coloro che non mangiano al Fast Food.


Altre ricerche avevano già suggerito che queste sostanze possono contaminare gli alimenti altamente trasformati, e per analizzare meglio la questione, gli esperti hanno esaminato i dati raccolti da un campione di 8.877 partecipanti che hanno risposto a domande dettagliate circa la dieta seguita nelle precedenti 24 ore.

I partecipanti hanno inoltre fornito un campione di urine, per testare prodotti di decomposizione di due ftalati specifici, DEHP e DINP. Analizzando tutti i dati, sarebbe emerso che un alto consumo di cibo dei fast food sarebbe collegato a livelli più elevati del 23,8% di prodotto di scarto per il DEHP nelle urine, e a livelli di quasi il 40% più alti di metaboliti DINP.

Inoltre, i ricercatori hanno analizzato anche l’esposizione a un’altra sostanza chimica trovata negli imballaggi di plastica, ovvero il BPA, ed avrebbero constatato che coloro che mangiavano prodotti a base di carne nei fast food presentavano più alti livelli di BPA rispetto alle persone che non consumavano tali alimenti.

via | ScienceDaily

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Influenza 2022/2023: sintomi, cure e prevenzione
Malattie

Come ogni anno torna puntuale l’influenza stagionale che, in base alle previsioni, sarà la peggiore degli ultimi cinque anni sotto il profilo della diffusione e dell’aumento di patologie respiratorie gravi: vediamo quali sono le cause ed i sintomi dell’influenza 2022/23 con gli accorgimenti da mettere in atto in fatto di prevenzione (il vaccino, in primis) e di rimedi per curarla con e senza farmaci a seconda della sua gravità.