Benessereblog Benessere Psicologia Adolescenti e selfie: quando è il caso di preoccuparsi?

Adolescenti e selfie: quando è il caso di preoccuparsi?

Le vostre figlie adolescenti si scattano troppi selfie? Ecco quando è il caso di preoccuparsi.

Adolescenti e selfie: quando è il caso di preoccuparsi?

Le vostre figlie adolescenti di scattano decine di selfie al giorno? Questo non è un comportamento che dovrebbe preoccupare in modo eccessivo i genitori, ma se le ragazze trascorrono troppo tempo su una foto, cercando di modificarla in modo da eliminare ogni difetto, allora probabilmente è il caso di prestare attenzione al problema. Questo è ciò che suggeriscono gli autori di un nuovo studio pubblicato sul Journal of Children and Media.

Per il loro lavoro, i membri della University of Arizona hanno esaminato un campione di 278 ragazze adolescenti di età compresa tra 14 e 17 anni, ed hanno scoperto che l’editing dei selfie e il tempo impiegato nella creazione e nella selezione del selfie perfetto rappresentano due aspetti collegati all’auto-oggettivazione, che porta a provare vergogna per il proprio corpo, oltre ad ansia e negatività per il proprio aspetto fisico.

Adolescenti: i rischi dell’auto-oggettivazione

L’auto-oggettivazione è la tendenza a pensare a se stessi come a un oggetto esterno che può essere visto da altre persone. Il tuo orientamento al mondo non è interno; non pensi a come ti senti o cosa sai o cosa puoi fare, ma piuttosto a come appari agli occhi delle altre persone. L’attenzione nello scattare il selfie perfetto sembra incoraggiare le ragazze a vedersi come oggetti esterni, come persone che devono essere osservate e ammirate

spiegano gli autori dello studio, aggiungendo che le ragazze che tendono all’auto-oggettivazione hanno anche maggiori probabilità di vergognarsi del proprio corpo o di sentirsi in ansia, e ciò può portarle a soffrire di problemi come depressione e disturbi alimentari.

I selfie fanno parte del panorama dei media, ma dovreste pubblicarli per motivi diversi dal cercare di convincere le persone ad ammirare il vostro aspetto o il vostro corpo

concludono gli autori dello studio, ricordando che pubblicare un selfie mentre si è in vacanza o con gli amici potrebbe rappresentare un modo più sano per condividere un’esperienza, senza concentrarsi troppo sul proprio aspetto.

via | ScienceDaily
Foto da Pixabay

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Calcolo del ciclo delle mestruazioni: cose da sapere
Corpo

Monitorare il proprio ciclo mestruale può risultare molto utile, perché ci permette di capire cosa è “normale” per noi, quando avviene l’ovulazione, e ci aiuta a individuare cambiamenti importanti da non trascurare. Fare il calcolo del ciclo delle mestruazioni ci aiuta, in poche parole, a conoscere meglio il nostro corpo.