Benessereblog Alimentazione Adolescenti: i disturbi alimentari danneggiano la salute anche da adulti

Adolescenti: i disturbi alimentari danneggiano la salute anche da adulti

I disturbi alimentari possono danneggiare anche la salute futura. Ecco cosa emerge da un nuovo studio.

Adolescenti: i disturbi alimentari danneggiano la salute anche da adulti

Gli adolescenti con disturbi alimentari potrebbero mettere a rischio anche la loro salute futura. A suggerirlo è uno studio condotto dai membri della University of Helsinki, in Finlandia, dal quale emerge che mangiare in modo “disordinato” all’età di 24 anni rappresenta un “predittore” di maggiore peso corporeo, circonferenza della vita più grande, scarso benessere psicologico e livelli minori di salute in generale anche a distanza di 10 anni. Nonostante mangiare in modo scorretto sia spesso considerato un problema abbastanza innocuo, lo studio (pubblicato sull’European Eating Disorders Review) dimostra chiaramente che un’alimentazione disordinata può avere effetti negativi di vasta portata sulla salute generale e sul benessere dei giovani adulti.

Anche se i sintomi non indicano un disturbo clinico alimentare, il riconoscimento e il trattamento precoci sono importanti, anche per gli uomini.

Per esaminare la questione, gli autori dello studio hanno preso in esame un campione di 4.900 giovani uomini e donne, i quali hanno risposto a questionari sul comportamento alimentare, sul peso, sulla salute e sul benessere psicologico a 24 anni e dieci anni dopo, all’età di 34 anni. Dopo aver preso in considerazione tutte le variabili, gli esperti hanno constatato che un’alimentazione disordinata all’età di 24 anni rappresenterebbe un predittore di un minore benessere psicologico e di una minore salute generale a distanza di 10 anni.

Per evitare questo problema è quindi necessario riconoscere i disturbi alimentari precocemente, e non sottovalutarne la gravità.

In linea generale gli esperti spiegano che chi soffre di questo tipo di problema tende a decidere se è sazio o se ha fame senza tenere in considerazione le sue reali sensazioni, si pesa molto spesso, assume molte bevande ipocaloriche per evitare di provare fame, pianifica meticolosamente ogni pasto futuro, conta tutte le calorie e pesa sempre gli alimenti, segue una dieta eccessivamente rigida o elimina certi cibi dalla dieta sostenendo che lo fa per motivi di salute o per ragioni etiche, quando in realtà la vera motivazione è la perdita di peso.

via | ScienceDaily

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Pleurite: i sintomi da riconoscere subito
Malattie

La pleurite è un’infiammazione della pleura, una sottile membrana che riveste la cavità toracica e i polmoni. I sintomi più comuni sono dolore al petto, che può peggiorare con la tosse o con la respirazione profonda, e difficoltà respiratorie. Altri sintomi possono includere febbre, sudorazione notturna ed affaticamento. La pleurite può essere causata da un’infezione, come la polmonite, o da una malattia autoimmune. Alla comparsa dei primi segnali è opportuno contattare immediatamente il medico.