Benessereblog Bellezza Cura corpo Acqua di riso fermentata: a cosa serve e come farla

Acqua di riso fermentata: a cosa serve e come farla

L'acqua di riso fermentata è una bevanda antica e benefica per i capelli, usata da centinaia di anni dalle donne orientali. Ricca di vitamine, proteine e antiossidanti, favorisce la crescita, la lucentezza e la salute della chioma. Per farla, coprite il riso con acqua, sciacquatelo e lasciatelo fermentare per 2-3 giorni. Filtrate l'acqua e conservatela in frigo. Utilizzatela per nutrire e rinvigorire i vostri capelli.

Acqua di riso fermentata: a cosa serve e come farla

Fonte immagine: Pexels

L’acqua di riso fermentataa cosa serve e come farla lo approfondiamo in questo articolo –  può essere annoverata tra i metodi naturali per il miglioramento della propria chioma. Contrariamente a quanto si possa pensare, non si tratta di un prodotto nuovo: vanterebbe infatti una tradizione lunga secoli. Le donne cinesi e giapponesi, infatti, la userebbero da millenni per fare crescere i propri capelli più velocemente e per evitare che diventino bianchi. Tuttavia, tale antico rimedio noto per le sue proprietà curative, sta guadagnando sempre più popolarità in tutto il mondo come parte di una routine di bellezza sana ed efficace. Vediamo che cos’è e come approfittare dei suoi benefici.

Cos’è l’acqua di riso fermentata?

E’ una bevanda ottenuta attraverso il processo di fermentazione del riso. E proviene da una tecnica millenaria che è stata tramandata di generazione in generazione per via delle sue proprietà. Durante la fermentazione, infatti, il riso rilascia enzimi, vitamine e minerali nell’acqua, dando vita ad una potente miscela di sostanze benefiche. Ma, contrariamente a quanto potrebbe sembrare, acqua di riso e acqua di riso fermentata non solo la stessa cosa. E’ alla seconda che si riconducono maggiori benefici, come il più alto contenuto di antiossidanti.

A cosa serve l’acqua di riso fermentata?

L’acqua di riso fermentata offre una gamma di benefici. Innanzitutto, è un vero concentrato di vitamine B, C ed E, oltre che di preziosi minerali che favoriscono la crescita dei capelli. Questo ricco liquido li nutre in profondità, e ne migliora la salute generale e l’aspetto. Le proteine del riso, perfette per donare volume, sono un toccasana per i capelli sottili. Conferiscono corpo e consistenza, creano uno schermo protettivo sulle cuticole. Trattengono l’umidità e difendono la chioma dallo stress esterno. I suoi antiossidanti, infine, amplificano la rigenerazione cellulare, rendendo i capelli setosi al tatto e luminosi come non mai.

Come preparare l’acqua di riso fermentata

Appurato quando usare l’acqua di riso, passiamo al procedimento per prepararla in casa. Ciò che serve è semplicemente acqua, riso ed un pizzico di pazienza.

  1. Coprite il riso con una generosa quantità di acqua e lasciatelo in ammollo per circa 30 minuti.
  2. Sciacquatelo e copritelo con acqua fresca. Mescolate bene, scolate e ripetete il processo 2 o 3 volte, fino a quando l’acqua non risulterà limpida.
  3. Coprite infine il riso con l’acqua misurata per l’uso che andrete a farne. Quanto deve fermentare l’acqua di riso? Lasciate riposare il cereale coperto da un canovaccio pulito a temperatura ambiente per 2-3 giorni, o finché non sviluppa un aroma fermentato.
  4. A questo punto, filtrate l’acqua separandola dal riso e conservatela in frigo usandola all’occorrenza.

In conclusione, l’acqua di riso fermentata è un’antica pratica che sta vivendo un periodo di popolarità grazie ai suoi molteplici benefici per la pelle e per i capelli e per la semplicità nella preparazione. Sarebbe un peccato non testarne l’efficacia.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Come eliminare un punto nero incistato
Cura corpo

Eliminare un punto nero incistato può non essere semplice, specie in casa. In casi come questo può essere utile ricorrere al dermatologo, il quale nel proprio studio, e con gli attrezzi giusti, può portare a compimento l’operazione in modo sicuro ed efficace. A chi voglia provare da solo, si consiglia di optare per un estrattore di punti neri o per un aspiratore, entrambi strumenti ampiamente diffusi in commercio.