Benessereblog Salute Corpo Acidità di stomaco: quali alimenti consigliati

Acidità di stomaco: quali alimenti consigliati

L’acidità di stomaco viene spesso considerato un disturbo a sè stante, ma invece dovrebbe essere considerato come il sintomo di problemi diversi, quali l’esofagite da reflusso, la gastrite o l’ulcera duodenale. In questi casi, a parte ai farmaci consigliati dal medico, che spesso non risolvono il problema in maniera definitiva, si possono adottare alcune accortezze […]

Acidità di stomaco: quali alimenti consigliati


L’acidità di stomaco viene spesso considerato un disturbo a sè stante, ma invece dovrebbe essere considerato come il sintomo di problemi diversi, quali l’esofagite da reflusso, la gastrite o l’ulcera duodenale. In questi casi, a parte ai farmaci consigliati dal medico, che spesso non risolvono il problema in maniera definitiva, si possono adottare alcune accortezze nell’alimentazione di tutti i giorni.

Innanzitutto è molto importante masticare con lentezza e mangiare seduti, senza fretta. Poi ci sono degli alimenti assolutamente sconsigliati, come il pomodoro, il caffè, le spezie o gli alcolici ed altri che invece aiuterebbero molto a risolvere o attutire il problema.

Alcuni ortaggi, primo tra tutti il carciofo, favoriscono l’attività del fegato e proteggono la mucosa dello stomaco, favorendo la cicatrizzazione delle ferite e stimolando la produzione di nuove cellule. Tra la frutta, la migliore è invece la mela, utile soprattutto quando i disturbi digestivi sono in qualche modo collegati e causati da ansia ed eccessiva eccitazione nervosa.

Foto | Flickr

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Il caffè fa male ai reni?
Nutrizione

Il caffè non fa male ai reni se consumato con moderazione. L’assunzione eccessiva di caffeina, presente nel caffè e in altre bevande, può contribuire ad aumentare la pressione sanguigna, un fattore dannoso per la salute renale. Tuttavia, fino ad oggi, non ci sono prove scientifiche che suggeriscano una controindicazione al consumo moderato di caffeina (2-3 tazzine di caffè al giorno) per soggetti sani o con malattie renali. Con le dovute eccezioni in caso di anziani, bambini e non solo.