Cos'è il gomito del tennista, la fisioterapia e gli esercizi da fare

Il gomito del tennista o epicondilite è un disturbo che causa molto dolore e che è tipico di chi pratica questo sport, oltre che di chi usa largamente il braccio. Bisogna curarlo al meglio per evitare che la situazione peggiori.

gomito del tennista

Il gomito del tennista è una forma di tendinite che colpisce i tendini connessi all'epicondilo, da qui il nome epicondilite. La terapia chirurgica è l'ultimo stadio, che viene solitamente raggiunto se le altre terapie per ridurre l'infiammazione e il dolore non hanno sortito gli effetti desiderati. Bisogna comunque mettere in atto tutte le soluzioni possibili per guarire un problema che, altrimenti, può causare danni anche più gravi.

Il gomito del tennista è così definito perché colpisce di solito chi pratica questo sport, trattandosi di una disciplina che utilizza e sovraccarica il gomito. Ma altrettanto a rischio sono anche tutti gli altri sport e lavori che utilizzano molto il braccio e il gomito. L'infiammazione può verificarsi a causa di un trauma a carico del gomito o perché il tendine è lacerato in parte.

I sintomi del gomito del tennista sono dolore intenso al gomito e, in generale, a tutto il braccio, dolore quando si usa il polso, debolezza del braccio, dolore mentre si fa presa, incapacità di tenere in mano gli oggetti. Se notate questi sintomi applicate subito del ghiaccio, state a riposo e usate degli antidolorifici, mentre se il gomito è caldo, infiammato, c'è febbre, non si riesce a piegare, recatevi subito al pronto soccorso.

La fisioterapia, con la manipolazione del braccio e dei muscoli annessi, è molto importante, così come lo stretching e la ginnastica che possiamo tranquillamente fare a casa: il fisioterapista è necessario quando il disturbo è molto grave e se il dolore è intenso si possono usare anche delle bende e dei tutori.

Foto | da Flickr di breatheindigital

Via | Farmacoecura

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 16 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail