Mangiare cibo geneticamente modificato e non saperlo

magnum ice cream

Di solito quando vado al supermercato faccio di tutto per comprare prodotti salutari ma come consumatore al momento mi sento molto vulnerabile. Guardo sfiduciata le etichette, chiedendomi fino a che punto mi possano aiutare a capire cosa davvero finira' nel mio piatto per cena.

Nei riguardi del cibo geneticamente modificato ho sempre avuto qualche dubbio e cerco di starne alla larga. Avevo pero' gia' pensato al fatto che probabilmente molti prodotti contengono ingredienti OGM non esplicitamente dichiarati e questo articolo del Telegraph non ha fatto altro che confermare i miei sospetti.

Secondo l'Unione Europea, i produttori ed i supermercati devono infatti identificare chiaramente solo i prodotti direttamente geneticamente modificati. Se invece un biscotto contiene per esempio il latte di una mucca che ha consumato cibo OGM, non c'e' l'obbligo di dichiarare questo prodotto come geneticamente modificato, anche se effettivamente lo e'.

Qualche esempio? la maionese Hellman's, i gelati Magnum, i cioccolati Cadbury sono tutti prodotti che contengono ingredienti OGM senza avere il dovere di dirlo chiaramente, cosi' come tanti altri. E in Inghilterra gia' si grida allo scandalo, accusando le case produttrici di voler tenere i consumatori all'oscuro.

Barbara Gallani, della Food and Drink Federation, conferma che la maggior parte delle marche piu' famose usa sicuramente carne e latticini di animali nutriti con soia OGM. Dice pero' anche che il sistema non presenta pericoli per l'uomo perche' le proteine non sono effettivamente passate dal foraggio al prodotto animale.

Michael Meacher, ex Ministro dell'ambiente inglese, ha invece dichiarato in merito:

"Non sono stati condotti abbastanza studi per determinate le possibili implicazioni per la salute del consumo di carne e latticini derivati da animali che hanno consumato soia OGM. Questo tipo di prodotti dovrebbe essere chiaramente riconoscibile come geneticamente modificato. Questa e' una questione importante e le persone hanno il diritto di sapere."

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail