Aggressività? Non dipende dal testosterone



Il testosterone è stato da sempre ritenuto responsabile di molte cose: peluria, infedeltà, competitività, essere spericolati, aggressività e scatti d’ira. Eppure oggi una nuova ricerca dell’Università di Zurigo in collaborazione con la Royal Holloway London, pubblicato sulla rivista “Nature”, sembra sfatare qualche concezione. Il testosterone, questo ormone sessuale potrebbe infatti essere alla base di gentilezza, socievolezza e correttezza.

Christoph Eisenegger, ricercatore a capo dello studio, ha spiegato che l’esperimento è stato condotto su oltre 120 donne che dovevano cimentarsi con un gioco di società consistente in scambi e baratti. Le volontarie sono state così suddivise in due gruppi: ad alcune donne è stata somministrata una pillola contenente appunto testosterone, mentre alle rimanenti è stato dato placebo. La maggior parte delle partecipanti non era a conoscenza del contenuto della pillola, mentre solo ad alcune era stato detto di aver assunto del testosterone.

"Chi aveva assunto una pillola al testosterone (ma non lo sapeva) si comportava in maniera più corretta, aveva meno conflitti e più interazioni sociali", ha detto Eisenegger. "Chi invece credeva di aver preso del testosterone (anche se non era vero), invece, si comportava in maniera aggressiva e meno corretta".

Alla luce dei risultati, i ricercatori sostengono che sia la connotazione negativa di questo ormone a scatenare comportamenti scorretti ed aggressivi, anche quando l’effetto biologico reale è esattamente opposto.

"Che il testosterone causi solo aggressività o egoismo negli umani è solo un mito, che è stato completamente sfatato", ha detto Eisenegger. "Si tratta di preconcetti non validi, causati da studi su questo ormone condotti su topi o primati non umani".

Sfatato qualche mito o smascherato qualche fattaccio?

  • shares
  • +1
  • Mail