L'indice di massa corporea: come si calcola e quando si è normopeso

L'indice di massa corporea, in inglese BMI "body mass index", è uno dei parametri più utilizzati per calcolare la percentuale di grasso normale o ideale presente in un soggetto. Pur essendo stato ampiamente criticato perché considerato approssimativo e incorretto, è tuttora considerato un riferimento quando si debba definire se una persona è sottopeso, normopeso o sovrappeso.Non è difficile vedere come si calcola il BMI, perché è una semplice formula matematica che dà il valore del rapporto tra peso e altezza: si divide il peso in chilogrammi per il quadrato dell'altezza espressa in metri. Ad esempio, se un soggetto è alto 1,85 m e pesa 80 kg, la percentuale sarà:

80/ (1,85 x 1,85) = 23,4

  • In questo caso, la tabella di riferimento mostra come il valore indichi una situazione di assoluta normalità: infatti quando la percentuale è compresa tra 18 e 25, si è normopeso e non si incorre i problemi legati all'obesità o al sottopeso. Per verificare se il valore ottenuto dall'equazione indichi una situazione normale o qualche patologia in corso: le percentuali sono quelle sottoelencate, anche se possono variare.

  • <16,5: grave magrezza

  • 16-18,5: sottopeso

  • 18 - 25: normopeso

  • 25-30: sovrappeso

  • 30-40: obesità di medio grado

  • >40: obesità di alto grado


Va considerato che, anche in una situazione di normopeso, è bene non lasciarsi traviare da un freddo calcolo matematico e considerare bene tutte le variabili soggettive che possono indurre una persona a scegliere di dimagrire pur essendo, secondo il BMI, perfettamente in forma.

Via | Wikipedia

Foto | Flickr


Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 7 voti.  

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO