Bere alcolici e postare sui social media: un nuovo preoccupante fenomeno

Bere troppo e pubblicare post imbarazzanti sui social: ecco la nuova preoccupante tendenza che riguarda i giovani.

Bere alcolici

Gli studenti universitari che cedono al cosiddetto “Binge drinking” pubblicano frequentemente sui social media post e foto di se stessi mentre sono ubriachi, e mostrano preoccupanti segni di "dipendenza" dai social network. A suggerirlo è un nuovo studio pubblicato sul Journal of Studies on Alcohol and Drugs, i cui autori spiegano che gli studenti tendono poi a pentirsi di aver pubblicato quei post sotto gli effetti dell’alcol, e che proprio tali post possono influenzare persino l'ammissione al college e le successive domande di lavoro.

Inoltre, gli amici che vedono i post incentrati sul bere possono essere più inclini a percepire lo stato di ebbrezza come eccitante e divertente, e a seguire questi comportamenti dannosi. Per giungere a queste conclusioni, gli esperti hanno reclutato 425 studenti universitari, di età compresa tra i 18 e i 25 anni, chiedendo quale fosse il loro uso di alcol, se fossero dei binge drinkers (inteso come bere 5 drink alla volta per gli uomini e quattro o più per le donne), se usassero i social media (tra cui Snapchat, Instagram, Facebook e Twitter), e se avessero mai postato messaggi sui social mentre bevevano e mentre erano ubriachi.

Rispetto agli studenti che non erano “binge drinkers”, quelli che lo erano avevano più probabilità di pubblicare post e foto mentre bevevano e mentre erano ubriachi su qualsiasi piattaforma di social media, tuttavia - sostengono gli esperti - proprio i social potrebbero rivelarsi una buona piattaforma per interventi volti a ridurre il consumo di alcolici.

Studi sul gioco d'azzardo patologico hanno infatti dimostrato che inviare messaggi in merito ai danni che potrebbe fare questo dannoso vizio "al momento" potrebbe spronare i giovani a bere meno alcolici.

via | Eurekalert

Foto da iStock

  • shares
  • +1
  • Mail