Psicologia: come smettere di essere single

La nostra vita è condizionata da abitudini e routine mentali ormai invisibili ai nostri occhi, e che però condizionano il nostro modo di rapportarci con gli altri. E se, per esempio, fossero solo alcune di queste abitudini mentali a impedirci di uscire dallo stato di single?

Un parere in merito viene dalla psicologa americana Brenda Shoshanna, autrice di Zen and the art of Falling in love. La psicologa, esperta di questioni di coppia, ci dà sei semplici consigli per cambiare.

1) "Ti sei guardata attorno attentamente?". Magari il tuo lui/la tua lei ideale è proprio una persona che già fa parte della tuo quotidianità, ma che escludi a priori dai "papabili". Individua quella persona e proponile di fare insieme qualcosa di diverso. Potresti imparare a vederla in un'altra luce.
2) "Basta recitare!". Esci fuori dal ruolo che interpreti sempre per conquistare qualcuno. Magari è proprio questa la ragione che tiene lontane le persone da te.
3) "Il partner? Lascialo single". Non "trattenere" l'altro nel rapporto, lasciagli i suoi spazi. E se vorra uscire di scena, lascialo/a andare.
4) "Elimina le zavorre dell'amore". Non fare una lista di quello che vuoi da un rapporto. Vivilo e basta.
5) "Scopri la tua generosità". Qualcosa che, ogni giorno, possa migliorare la giornata di chi ti sta accanto. Senza aspettarti nulla in cambio
6) "Impara ad esserti amico/a", a conoscerti, a capire le cose che ti fanno stare bene e ti piacciono. Se fai così, non ti sentirai mai solo/a. Anche in assenza di un partner.

Via | Style.it

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 14 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: