Infertilità in Italia: i dati e cosa sapere

Infertilità in Italia, quali sono i dati ufficiali sulla situazione nel nostro paese? Ecco tutto quello che dovete sapere!

Infertilità in Italia, quali sono i dati di quella che per l'OMS è da considerarsi una vera e propria patologia? La Clinica Alma Res, una clinica specializzata in Procreazione Medicalmente Assistita, ha raccolto in un'interessante infografica tutto quello che bisogna sapere sull'infertilità nel nostro paese: dati demografici aggiornati, percentuali del tasso di infertilità, confronto con altri paesi UE, senza dimenticare i risultati raggiunti nel nostro paese con la Fecondazione assistita.

"Perché in Italia non si fanno più figli?" è il titolo di questa infografica che spiega con semplicità tutto quello che c'è da sapere in merito a questa problematica che coinvolge il 15% delle coppie del nostro paese.


Infertilità in Italia


L'infertilità

riguarda il 15% circa delle coppie. Le nascite in Italia sono state nel 2017 464mila: abbiamo raggiunto il minimo storico. L'età media delle donne che hanno partorito è più alta di quella europea: in Italia è di 31.8 anni, mentre in Europa è di 29 anni. La Francia è il paese con le mamme più giovani (con una media di 28.5 anni). In Italia il numero di figli per donna è 1.34, mentre nell'UE è di 1.60. La Francia è sempre la più "brava", con una media di 1.92 figli a donna.

Ma quali sono le cause dell'infertilità, che l'Organizzazione Mondiale della Sanità considera una vera e propria patologia che si manifesta con l'assenza di concepimento dopo 12/24 mesi di rapporti mirati non protetti? Il 39.2 per cento dei casi dipende dalle donne (cause: ridotta riserva ovarica, fattore tubarico, infertilità endocrina-ovulatoria, endometriosi, poliabortività, fattore multiplo femminile) e il 25.8% dagli uomini (il fattore determinante è l'inquinamento). I casi di infertilità di coppia sono il 18.2%.

La fecondazione assistita omologa può curare la fertilità: il 60% delle coppie ricorre alla FIVET omologa, il 42% alla ICSI omologa. I tempi di attesa sono più di 1 anno in struttura pubblica, meno di 3 mesi in clinica privata.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 2 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO