Ecco i sintomi dell'alluce valgo: quando è necessario ricorrere all' intervento


L’alluce valgo è una deformazione del primo dito del piede, che si presenta inclinato nella direzione delle altre dita e l’articolazione sporge all’esterno, dando numerosi problemi diversi, sia di deambulazione sia di postura. Purtroppo questa deformazione tende a essere progressiva e di conseguenza a peggiorare nel corso della vita.

Da che cosa dipende? Le cause possono essere diverse. Prima di tutto, nella maggior parte dei casi, è di carattere ereditario, soprattutto se si manifesta fin da piccolissimi (sono colpite in questo caso soprattutto le donne). Alle volte, invece, è la conseguenza di alcune malattie, come l’artrosi, o di eventuali interventi chirurgici. Sono vittime dell’alluce valgo soprattutto quelle persone che hanno la pianta del piede piatta.

Come si cura? Prima di tutto utilizzando delle calzature comode e con una pianta abbastanza comoda. Le scarpe non devono stringere troppo il piede e soprattutto non deve sollecitare l’articolazione del primo dito, causando ulteriore infiammazione. Se la deformazione è agli stadi iniziali o minima, di solito, si utilizzano fans e dei semplici antidolorifici, come l’ibuprofene, nelle fasi di dolore acuto.

La terapia in molti casi è ovviamente costruita in base alla patologia che si nasconde dietro a questo problema, per esempio l’artrosi potrebbe essere curata con iniezioni di acido ialuronico. L’intervento chirurgico ovviamente è l’ultima spiaggia e serve per risolvere la difficoltà di movimento, il dolore cronico o semplicemente per assecondare il desiderio di avere piedi esteticamente “normali”. Sono molte le persone che scelgono di farne ricorso anche solo per avere un aspetto migliore.

Foto| Flickr

  • shares
  • +1
  • Mail