Quali sono i rimedi per le extrasistole e il caldo

Le extrasistole sono delle pulsazioni premature e dunque anomale del cuore che possono scatenare panico ed ansia perché si avverte la strana sensazione di aver perso un battito. Si tratta di un fenomeno molto comune che può capitare, occasionalmente, anche in soggetti perfettamente sani, in tal caso non deve destare alcuna preoccupazioe.

Le cause delle extrasistole sono molteplici. Tra queste, oltre all'assunzione di alcuni farmaci contro l'asma ed a malattie cardiache, c'è anche lo stress e la sensazione di stanchezza e spossatezza legata al caldo. Quando è l'affaticamento provocato dall'afa la causa delle extrasistole, e non una condizione medica pregressa, alcuni piccoli rimedi naturali possono alleviare il disturbo.

Prima di tutto bisogna calmarsi, anche se può non sembrare semplice vista l'ansia che la condizione provoca. Il paziente può infatti credere erroneamente di essere sul punto di subire un attacco di cuore ed agitarsi di conseguenza, peggiorando i sintomi. È fondamentale condurre la persona che soffre di extrasistole in un posto fresco ed ombreggiato, ma bisogna fare attenzione a non farla passare da un luogo molto caldo ad uno molto freddo come ad esempio dall'esterno, con temperature oltre i 30 gradi, ad una stanza con l'aria condizionata al massimo, perché potrebbero scaturire altre complicazioni.

È importante sapere se la persona interessata ha qualche malattia cardiaca di base perché in quel caso potrebbe essere meglio accompagnarla dal medico per un controllo. Per quanto riguarda i pazienti che invece non hanno malattie pregresse e fattori di rischio noti, è sufficiente cercare di calmarli, evitare di fargli bere sostanze che possono agitarli ulteriormente come le bevande che contengono caffeina, ed infine evitare di fargli compiere degli sforzi.

Può anche essere utile seguire i consigli del Ministero della Salute come cercare di bere almeno 2 litri di acqua al giorno, alleggerire gli indumenti e rinfrescare il corpo con dell'acqua, evitando però di utilizzare acqua troppo fredda. Se i sintomi persistono, consultare il medico.

Via | Patient; Counseling
Foto | Flickr

  • shares
  • +1
  • Mail