Come riconoscere la bronchite virale da quella batterica

Scritto da: -

tosse

Distinguere la bronchite virale da quella batterica è fondamentale per capire qual è la cura migliore per sconfiggere la malattia. Infatti nel caso in cui a causarla sia stato un virus assumere antibiotici non serve a niente, mentre sono proprio questi i farmaci più adatti a debellare un’infezione batterica.

In realtà nella maggior parte dei casi la bronchite è di origine virale. I suoi sintomi sono problemi respiratori come respiro affannato, dolore al petto o alla gabbia toracica che si può estendere fino alla schiena, mal di testa, febbre bassa e una tosse persistente che, in genere, non è associata alla produzione di catarro. Molti di questi disturbi sono anche sintomi della bronchite batterica, che, però, ha anche delle caratteristiche specifiche che permettono di distinguerla dalla forma virale.

In genere, infatti, se la malattia è causata da un batterio la febbre è più alta e la tosse, oltre ad essere persistente, è accompagnata dalla presenza di catarro. Quest’ultimo è scuro e denso. Questi sintomi indicano che la patologia è più grave rispetto a una bronchite virale che, spesso, può essere sconfitta con medicinali da banco e un po’ di pazienza. Solo in alcuni casi il medico potrebbe pensare di prescrivere dei farmaci antivirali. Nel caso della bronchite batterica, invece, rivolgersi al medico è fondamentale per potersi far prescrivere l’antibiotico migliore per trattare l’infezione in corso.

Indipendentemente da se si abbia a che fare con una forma virale o con un’infezione batterica, rivolgersi al medico è particolarmente importante per chi soffre di altri disturbi che coinvolgono i polmoni, come l’asma o la broncopatia cronica ostruttiva. Non solo, chi fuma dovrebbe rinunciare al suo vizio almeno per un paio di giorni o, magari, scegliere di smettere del tutto.

Via | Voices
Foto | Flickr

Vota l'articolo:
3.25 su 5.00 basato su 4 voti.