Avere un figlio dopo i 35 anni migliora le capacità intellettuali?

Le donne che fanno un figlio verso i 35 anni di età hanno migliori capacità intellettuali? Ecco cosa emerge da un nuovo studio.

Gravidanza

Le donne che fanno un figlio verso i 35 anni hanno migliori capacità intellettuali? A suggerirlo è un nuovo studio pubblicato sul Journal of the American Geriatrics Society, secondo cui le capacità intellettuali dopo la menopausa sarebbero migliori per le donne che hanno avuto il loro ultimo bambino dopo i 35 anni di età, hanno usato contraccettivi ormonali per più di 10 anni o hanno avuto il loro primo ciclo mestruale prima dei 13 anni. Nello specifico, le donne in postmenopausa che hanno avuto la loro ultima gravidanza dopo i 35 anni avrebbero avuto una migliore memoria verbale.

Coloro che hanno avuto la loro prima gravidanza quando avevano 24 anni avrebbero avuto invece una migliore funzione esecutiva (che comprende l'attenzione, la memoria di lavoro, il ragionamento e la capacità di problem solving).

Per esaminare meglio la situazione, gli esperti hanno arruolato un campione di 830 donne con un’età media di 60 anni. Le partecipanti hanno compilato una serie di test che includevano valutazioni di memoria verbale (ricordare un elenco di parole o raccontare una storia dopo qualche distrazione), velocità psicomotoria, attenzione e concentrazione, pianificazione, percezione visiva e memoria.

Sulla base dei risultati, non vogliamo certamente raccomandare alle donne di aspettare fino a quando non hanno 35 anni per formare la loro famiglia, ma lo studio fornisce una prova evidente che vi è una correlazione positiva tra l’età più avanzata della gravidanza e la funzione cognitiva.

Secondo gli esperti, a giocare un ruolo di primo piano in tale associazione sarebbero gli ormoni estrogeni e progesterone. Inoltre, i ricercatori avrebbero constatato che le donne che hanno avuto delle gravidanze avrebbero avuto una memoria verbale e una fluidità del linguaggio più scarse rispetto alle donne che non hanno avuto figli.

via | ScienceDaily

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail