Tumore ai testicoli: cos'è e come prevenirlo

tumore ai testicoliDopo aver postato il video sull'auto-test per prevenire il cancro ai genitali maschili, ho deciso di fornire ai nostri lettori un po' d'informazioni dettagliate su un tumore che colpisce ogni anno, in Italia, circa 11mila giovani tra i 15 e i 39 anni, ma che è, nella maggior parte dei casi, un tumore curabile.

Per questo è importante la prevvenzione e l'autocontrollo su una parte del corpo intima, la cui cura ha ripercussioni sulla sfera emotiva degli uomini e sulla vita intera. Prima di elencarvi tutte le fasi per l'autoanalisi dei testicoli, sappiate che il tumore spesso non ha influenza sull'attività sessuale: l'erezione, l'eiaculazione e la fertilità non vengono compromesse.

Per cominciare con l'auto-test, imparate a conoscere il vostro corpo e ad osservarlo. Se notate una leggera asimmetria tra i testicoli, tranquilli, è normale. Per un auto-test il momento migliore è dopo la doccia, quando i testicoli sono rilassati.

Teneteli in mano da sotto e toccatene la consistenza: devono essere morbidi al tatto e la pelle dev'essere tenera. Provate anche a sottoporli ad una leggere torsione: la sensazione che dovete sentire è sempre quella della morbidezza. Se al tatto la pelle vi sembra più dura del solito o avvertite qualche grumo, tenetene conto.

Oltre ai grumi che potrebbero formarsi sottopelle, altri segnali d'allarme possono essere una sensazione continuata di dolore ai testicoli o la perdita di sangue durante l'eiaculazione.

Qualora doveste accorgervi di essere in una delle situazioni descritte sopra, non fatevi prendere dal panico, poichè, in ogni caso, gli stessi possono essere sintomi imputabili ad infezioni o a malattie meno gravi del tumore. In ogni caso, rivolgetevi il prima possibile al vostro medico.

Foto | Airc

  • shares
  • Mail