Come riconoscere i sintomi del diabete di tipo 2

Scritto da: -

sintomi del diabete di tipo 2

I sintomi del diabete di tipo 2 possono manifestarsi molto lentamente, tanto che la malattia può rimanere nascosta per anni senza che chi ne soffre se ne accorga. Dato che, una volta diagnosticata, la patologia è considerata cronica e non curabile, identificare i segni del diabete di tipo 2 il più presto possibile è importante per agire per tempo e contrastarne lo sviluppo con correzioni dello stile di vita.

La malattia dipende da quanto l’organismo è capace di metabolizzare gli zuccheri, in particolare il glucosio. La molecola chiave in questo processo è l’insulina, l’ormone che controlla l’utilizzo di questo zucchero. In presenza di diabete di tipo 2 si instaura una situazione in cui l’organismo non produce quantità sufficienti di questo ormone, oppure le cellule non rispondono in modo corretto alla sua azione.

I sintomi che permettono di riconoscere questa situazione sono i seguenti:

  • aumento della sete e frequente stimolo ad urinare. A causarli è l’accumulo di glucosio nel sangue, che richiamando i liquidi dai tessuti porta a bere di più e, di conseguenza, ad urinare più spesso.
  • aumento della fame. La carenza di insulina fa sì che i muscoli e altri organi non abbiano abbastanza energia a disposizione e, quindi, aumenta l’appetito.
  • perdita di peso. Un organismo che non riesce a ricavare energia dal glucosio usa le scorte accumulate nei muscoli e nei grassi. Di conseguenza il peso diminuisce e il glucosio in eccesso viene eliminato con le urine.
  • affaticamento e irritazione. Sono la diretta conseguenza della carenza di zuccheri nelle cellule.
  • problemi di vista. Concentrazioni di glucosio nel sangue troppo alte fanno disidratare anche i tessuti degli occhi, riducendo la capacità di mettere a fuoco.
  • difficoltà di guarigione delle ferite o infezioni frequenti.
  • macchie scure e vellutate nelle pieghe della pelle, soprattutto a livello delle ascelle.

In presenza di questi sintomi è bene rivolgersi al medico, che potrà prescrivere opportune analisi per verificare se si tratti realmente di segnali della presenza del diabete di tipo 2.

Via | Mayo Clinic
Foto | Flickr

Vota l'articolo:
3.64 su 5.00 basato su 11 voti.