Donne e tumori, il cancro al polmone farà più vittime di quello al seno

Il sorpasso, già in passato previsto per il 2015, sembra sempre più vicino

Presto il cancro al seno potrebbe non essere più il tumore che miete più vittime fra le donne. Secondo le previsioni di un gruppo di ricercatori italiano, pubblicate sugli Annals of Oncology, i decessi per cancro al polmone potrebbero infatti superare quelli causati dal tumore alla mammella già nei prossimi mesi.

Le stime, secondo cui nel 2015 i 28 stati membri dell'Unione Europea conteranno ben 1.359.100 decessi a causa del cancro, prevedono che quest'anno il numero di vittime del cancro al seno in Europa (90.800) resterà ancora leggermente superiore rispetto a quello delle donne che moriranno a causa del cancro ai polmoni (87.500), ma il numero di decessi causati nella popolazione femminile da questo tipo di tumore non diminuirà e probabilmente supererà quello dei casi fatali di cancro al seno.

Carlo La Vecchia, esperto dell'Università degli Studi di Milano che ha partecipato allo studio, ricorda però che si tratta pur sempre di sole previsioni.

I dati per i reali decessi nell'Unione Europea nel 2'15 saranno disponibili solo fra 3 o 4 anni

sottolinea l'esperto.

Un'ulteriore cautela è richiesta per il fatto che il numero assoluto di decessi nel 2015 rimane più alto per il cancro al seno che per quello al polmone. Tuttavia, le previsioni per il 2015 confermano le nostre proiezioni a lungo termine fatte due anni fa secondo cui i tassi di decesso per cancro al polmone nelle donne avrebbero superato quelli per cancro al seno all'incirca nel 2015.

cancro polmoni donne

A contribuire al fenomeno è soprattuto il caso del Regno Unito e della Polonia, dove i decessi a causa del tumore al polmone nella popolazione femminile sono più che 2 volte più frequenti che in Spagna. Il colpevole sarebbe sempre lo stesso: il fumo, entrato nella vita delle donne britanniche circa vent'anni prima che in quella delle altre europee. Ciò non significa che le abitanti degli altri stati membri dell'Unione debbano sentirsi al sicuro. Nella stessa Spagna, così come in Francia, le previsioni non sono comunque positive.

Anche se la tendenza al ribasso nei decessi generali per il cancro è una buona notizia, il fumo rimane ancora una delle cause principali di morti a causa del cancro nell'Unione Europea

sottolinea Fabio Levi, esperto dell'Università di Losanna che ha partecipato allo studio, che ricorda che i rischi vanno oltre quello di sviluppare un cancro al polmone.

Per esempio

prosegue Levi

probabilmente il fumo è responsabile del 15-25% di tutti i tumori al pancreas (…) ed è coinvolto anche in diversi altri tumori.

Ad essere messi in guardia, insomma, non sono solo i polmoni delle donne.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Via | AlphaGalileo

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 10 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO