Vacanze, da Puglia e Basilicata souvenir all'insegna della salute

Olio extravergine e grani antichi, ma non solo. Ecco i "ricordi" più salutari che si possono portare a casa da un viaggio a cavallo dell'altopiano delle Murge

Con l'arrivo di settembre per la maggior parte degli italiani le vacanze lasciano spazio ai ricordi. Ad alimentarli sono senza dubbio anche i souvenir portati a casa dai viaggi estivi, souvenir che secondo un'analisi condotta da Coldiretti sulla base di dati Ixè nel 22% dei casi sono rappresentati dai prodotti tipici, quest'anno classificatisi al primo posto nell'elenco dei ricordini più amati dagli abitanti dello Stivale.

Sicuramente Coldiretti ha ragione nell'affermare che la scelta di prodotti alimentari tipici come souvenir delle vacanze sia stata favorita dalla sempre più forte tendenza agli acquisti utili che caratterizza questo periodo di crisi economica. Innegabile, però, anche il sempre maggiore interesse degli italiani per i prodotti Dop, Igp e chi più marchi ha più ne metta, strettamente legato alla possibilità di dedicare parte delle vacanze alla visita di frantoi, sagre, agriturismi rilevata sempre da Coldiretti/Ixè.

A darne prova è anche il viaggio compiuto per voi da Benessereblog nelle settimane di agosto appena trascorse. Spostandoci tra la Puglia e la Basilicata abbiamo voluto indagare sui prodotti tipici di queste terre, geograficamente profondamente legate da un altopiano, quello delle Murge, che sfuma i confini dei due territori così come l'origine dei loro prodotti. Prodotti che spesso oltre alla tipicità offrono caratteristiche in più che li rendono preziosi alleati della salute e del benessere.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 5 voti.  
0 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO