Smettere di fumare: tutti i benefici per la salute

Cosa succede nell'organismo quando si abbandonano definitivamente le "bionde"? Ecco tutti gli effetti della rinuncia al tabacco

Smettere di fumare è molto spesso un'impresa difficile. Se non fosse così, vien da dire, non la chiamerebbero dipendenza. E se la buona volontà fosse l'arma unica e sufficiente per abbandonare per sempre le famigerate bionde non avrebbero ragione d'esistere gomme alla nicotina, graffette o sigarette elettroniche di sorta.

D'altra parte, essere motivati a smettere di fumare rappresenta di sicuro un forte incentivo che anche qualora non semplificasse il compito contribuirebbe comunque a renderlo più raggiungibile. Da questo punto di vista i benefici per la salute derivanti dall'abbandono del fumo possono rappresentare un'ottima motivazione. I fumatori se li vedono indirettamente ricordare tutte le volte che tengono tra le mani un pacchetto di sigarette o di altri prodotti a base di tabacco, sulle cui confezioni campeggiano ormai da tempo le scritte che illustrano i pericoli associati al fumo. Ma quali sono, esattamente, questi benefici?

A onor del vero, il primo fa la sua comparsa poco dopo aver spento l'ultima sigaretta. Bastano, infatti, 20 minuti per far tornare la frequenza cardiaca nella norma. Dopo 2 ore anche la pressione del sangue si normalizza. Contemporaneamente, i livelli di nicotina iniziano a diminuire. Ed è proprio qui che iniziano i problemi.

smettere di fumare benefici

I primi sintomi dell'astinenza iniziano infatti tra le 2 e le 12 ore dopo l'ultima sigaretta e raggiungono un picco massimo dopo circa 3 giorni. A questo punto è possibile avere addirittura a che fare con nausea o mal di testa, ma in realtà tutto ciò che sta succedendo nell'organismo è positivo. Ai sintomi dell'astinenza è infatti associata anche una diminuzione dei livelli di monossido di carbonio nel sangue. In un lasso di tempo variabile tra 1 e 9 settimane inizieranno a diminuire anche la tosse, il fiato corto e il bruciore alle vie respiratorie durante l'attività fisica.

Con il passare del tempo anche il rischio di sviluppare malattie gravi, come i tumori, diminuirà sensibilmente. Quindici anni dopo aver spento l'ultima sigaretta si stima che il rischio di malattie cardiovascolari corso da un ex fumatore sia equivalente a quello di un non fumatore. Se, poi, si smette di fumare prima dei 30 anni si hanno buone probabilità di vivere in uno stato di salute del tutto simile a quello di una persona che non ha mai fumato.

Ecco tutti i benefici della scelta di smettere di fumare, riassunti organo per organo.

  • Cervello. Il cervello dei fumatori è caratterizzato da livelli superiori alla norma di molecole che causano i fenomeni di dipendenza. Interrompere l'assunzione di nicotina riporta gradualmente queste quantità a livelli normali.
  • Polmoni. Smettere di fumare riduce l'infiammazione e permette alle ciglia che rivestono l'epitelio respiratorio di riprendere a funzionare correttamente.
  • Cuore. Eliminare le sigarette migliora sia le condizioni di salute del cuore, sia quelle dei vasi sanguigni, riducendo il rischio di infarto.
  • Denti. Eliminare il fumo evita che la nicotina possa tingere i denti, riduce il problema dell'alito cattivo e riduce il rischio di carie.
  • Pelle. Le numerose tossine presenti nel fumo di tabacco – come il monossido di carbonio, la formaldeide, l'ammonio, il mercurio, il piombo e il cadmio – riducono il flusso di sangue alla pelle e danneggiano le molecole che le conferiscono elasticità, in particolare il collagene e l'elastina. Smettere di fumare migliorerà immediatamente il flusso ematico e l'idratazione della pelle.
    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Via | Medical Daily


Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 5394 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO