Psicologia, lo stress rende gli uomini più egocentrici

Lo stress rende più egocentrici gli uomini, ma non le donne. Ecco cosa dimostra una nuova ricerca.

Lo stress rende gli uomini più egocentrici e meno empatici. A renderlo noto sarebbe stato un team di ricerca composto dai membri della Social Cognitive Neuroscience Unit di Vienna, quelli della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati di Trieste (SISSA) e i membri dell’Università di Friburgo. Gli autori dello studio, pubblicato sulle pagine della rivista medica “Psychoneuroendocrinology” sarebbero partiti da un presupposto molto semplice, ovvero quello secondo cui “gli individui stressati tendono a diventare più egocentrici”, poiché in tal modo si ridurrebbe il carico emotivo/cognitivo in una determinata situazione.

Ebbene, se da una parte tale tesi è stata confermata, d’altra parte sembra che il fenomeno non sia stato registrato per entrambi i sessi, ma solamente per quanto riguarda gli uomini. Mentre questi ultimi, sotto stress, tendono infatti a chiudersi in sé stessi, le donne, nella stessa identica situazione, tenderebbero invece a diventare più aperte verso gli altri, e quindi più empatiche.

stress

“C’è un sottile confine tra la capacità di identificarsi con gli altri e assumere il loro punto di vista – e quindi essere empatici – e l’incapacità di distinguere tra sé e l’altro, agendo così da egocentrici. – spiega giustamente la ricercatrice Giorgia Silani - Per essere veramente empatici e comportarsi “prosocially” è importante mantenere la capacità di distinguere tra sé e l’altro, e lo stress sembra svolgere un ruolo importante in questo”.

Ma per quale ragione si sarà registrata una simile differenza fra uomini e donne? Secondo gli esperti, è probabile che le donne abbiano interiorizzato l’esperienza che, interagendo meglio con gli altri, possono ottenere un maggiore sostegno. Gli esperti ritengono inoltre che tale fenomeno possa essere ricollegato in qualche modo all’ormone ossitocina, indicato peraltro, in un'altra ricerca, come possibile cura per il problema dell'anoressia.

“L’ossitocina – avrebbe infatti spiegato la dottoressa Silani - è un ormone collegato con i comportamenti sociali e un precedente studio ha rilevato che in condizioni di sforzo le donne avevano livelli fisiologici più elevati di ossitocina rispetto agli uomini”.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

via | Sissa

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail