Benessereblog Benessere Vaccini, le indicazioni del Ministero per le donne in età fertile

Vaccini, le indicazioni del Ministero per le donne in età fertile

Vaccini, le indicazioni del Ministero per le donne in età fertile

Le vaccinazioni sono un importante strumento di prevenzione a ogni età. Il Ministero della salute ha però diffuso una nuova circolare per ricordare alla donna in età fertile, prima, durante e dopo la gravidanza, quali sono le profilassi da seguire per proteggere la propria salute e quella del nascituro.

Alcune malattie possono incidere negativamente sulla fertilità o avere conseguenze sull’esito di una gravidanza. Di conseguenza, per le donne in età fertile sono indicate, se non già immuni, le vaccinazioni contro morbillo, parotite, rosolia, varicella e papilloma virus (HPV). Di grande importanza è anche il richiamo decennale della vaccinazione contro difterite, tetano e pertosse.

Se state cercando una gravidanza, è necessario essere protetti da morbillo-parotite-rosolia (MPR) e della varicella, dato l’elevato rischio per il nascituro. Poiché sia il vaccino MPR che quello della varicella sono controindicati in gravidanza, è necessario che, al momento dell’inizio della gravidanza, la donna sia già vaccinata regolarmente (con due dosi) da almeno un mese.

Durante la gravidanza, invece, e per ogni successiva gestazione sono raccomandate le vaccinazioni contro difterite, tetano, pertosse (dTpa) e anti-influenza (nel caso la gestazione si verifichi durante una stagione influenzale). Di grande rilievo è la vaccinazione dTpa durante ogni gravidanza, anche se la donna sia già stata vaccinata o sia in regola con i richiami decennali o abbia avuto la pertosse.

La vaccinazione anti-influenzale è raccomandata e offerta gratuitamente alle donne che all’inizio della stagione epidemica dell’influenza si trovino nel secondo o terzo trimestre di gravidanza.

Seguici anche sui canali social