Benessereblog Salute Terapie e Cure Vaccinazioni: poche in gravidanza a causa delle fake news

Vaccinazioni: poche in gravidanza a causa delle fake news

Vaccinazioni: poche in gravidanza a causa delle fake news

Sono poche le donne che si vaccinano in gravidanza. Hanno paura che possano esserci degli effetti collaterali o che facciano male al bambino. Questo è quanto svela uno studio dell’università del Colorado su Obstetrics & Gynecology. I ricercatori hanno intervistato 331 ostetrici e ginecologi per valutare l’adesione alle vaccinazioni raccomandate durante la gravidanza, cioè quella per l’influenza e quella Tdap contro tetano, pertosse e difterite.

Che cosa è emerso? Il 62% degli intervistati ha riportato un tasso di rifiuto maggiore del 10% per l’influenza, mentre l’altro vaccino è risultato più ‘popolare’, con solo il 32% dei ginecologi che ha avuto un rifiuto da più di una paziente su dieci. Le motivazioni più diffuse sono le seguenti: paura che faccia male (48%), seguito da quella di non essere esposte alle malattie (38%), preoccupazioni generali sui vaccini (32%), il desiderio di una ‘gravidanza naturale’ (31%), e la paura di provocare l’autismo (25%).

“Avere l’influenza o la pertosse nei primi mesi di vita può essere molto pericoloso, e il modo migliore per proteggere il bambino è vaccinarsi durante la gravidanza, una pratica sicura. La pratica è abbastanza diffusa negli Usa e in Gran Bretagna, dove secondo il CDC americano e l’ECDC Europeo circa metà delle donne incinte si protegge, mentre in Italia i dati di copertura mostrano che in media meno del 2% (pari a circa 3500 donne) delle donne al secondo e terzo trimestre di gravidanza si vaccinano”.

Spiega un documento pubblicato pochi mesi fa sul tema dalla Società Italiana di Allergologia e Immunologia Pediatrica(Siaip).

Via | Ansa

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social