Benessereblog Benessere Un aiuto allo sprint degli sportivi arriva dalle piante adattogene

Un aiuto allo sprint degli sportivi arriva dalle piante adattogene

L’incremento sempre più frenetico e costante della diffusione del fitness e dello sport come stili di vita hanno dato un’impennata alla vendita di integratori più o meno utili e di sostanze dall’indubbia provenienza. Fortunatamente, oltre alle classiche sostanze derivanti dalla sintesi farmaceutica, possiamo imbatterci anche in rimedi fitoterapici, come le piante adattogene.Per pianta adattogena si […]

Un aiuto allo sprint degli sportivi arriva dalle piante adattogene

L’incremento sempre più frenetico e costante della diffusione del fitness e dello sport come stili di vita hanno dato un’impennata alla vendita di integratori più o meno utili e di sostanze dall’indubbia provenienza. Fortunatamente, oltre alle classiche sostanze derivanti dalla sintesi farmaceutica, possiamo imbatterci anche in rimedi fitoterapici, come le piante adattogene.

Per pianta adattogena si intende una pianta medicinale i cui principi attivi siano capaci di aumentare le resistenze fisiche, contro stress e situazioni di carico, in modo da “adattare”, appunto, l’organismo in situazioni di sollecitazioni eccessive e di prevenire l’insorgenza di malattie. Tra le piante adattogene più importanti ricordiamo il ginseng, il guaranà, la rodiola, l’eleuterococco e la maca.

Tutte queste piante si trovano in formulazioni songole o meglio in associazione tra di loro, sotto forma di fiale monodose, di soluzioni concentrate da diluire o in capsule. Vanno presi al mattino, prima della colazione e danno un reale e duraturo sprint per tutta la giornata. Per notare i primi risultati bisogna attendere almeno una settimana e le cure complessive non devono superare il mese e mezzo.

Foto | Flickr

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Perché si dice rosso di rabbia?
Psicologia

La rabbia può essere un’emozione positiva e utile, se espressa in modo appropriato. Ma quando ci lasciamo prendere la mano, può accadere che tale sentimento prenda il sopravvento, con tutte le prevedibili conseguenze che comporta. Tra le sue manifestazioni c’è anche il rossore del viso: in questo articolo ci preoccupiamo di spiegare scientificamente perché questo accade ed il significato che si cela dietro la frase “rosso di rabbia”.