Benessereblog Salute Test dell’olfatto: ecco perché è tanto importante

Test dell’olfatto: ecco perché è tanto importante

Un nuovo studio rivela perché è molto importante sottoporsi a un test dell’olfatto a un certo punto della vita.

Test dell’olfatto: ecco perché è tanto importante

Un nuovo studio condotto dai membri della Michigan State University suggerisce che gli adulti più anziani con scarso senso dell’olfatto possono registrare un aumento quasi del 50% del loro rischio di morte entro 10 anni. Lo studio è stato pubblicato sulle pagine della rivista Annals of Internal Medicine, ed i suoi autori spiegano che uno scarso senso dell’olfatto diventa più comune man mano che le persone invecchiano, e che esiste dunque un legame con un rischio più elevato di morte.

Per giungere a questa conclusione, gli autori hanno esaminato le informazioni di quasi 2.300 partecipanti tra 71 e 82 anni, e li hanno seguiti per un periodo di 13 anni. Uomini e donne hanno completato un test olfattivo di 12 odori comuni, ed i ricercatori hanno classificato i partecipanti in base alle loro capacità olfattive.

Ebbene, rispetto agli adulti più anziani con un buon senso dell’olfatto, quelli che avevano un cattivo odorato correvano un rischio del 46% maggiore di morte entro 10 anni, e maggiore del 30% entro i successivi 13 anni. Ciò che ha sorpreso maggiormente gli autori è il fatto che a correre questo rischio erano in particolar modo i partecipanti che si erano rivelati più sani all’inizio dello studio.

Lo scarso senso dell’olfatto è noto per essere un segno precoce per la malattia di Parkinson e per la demenza, ed è associato alla perdita di peso. Tuttavia, queste condizioni spiegano solo il 28% dell’associazione.

Incorporare uno screening dell’olfatto nelle visite di routine del medico potrebbe essere una buona idea ad un certo punto della vita

spiegano gli autori dello studio, i quali aggiungono che, se riteniamo di avere problemi di olfatto sarà dunque prudente parlare con un medico.

via | ScienceDaily
Foto da Pixabay

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Quale attività fisica può praticare chi soffre di ernia del disco?
Fitness

L’ernia del disco viene definita come una fuoriuscita di materiale discale dai normali margini dello spazio del disco intervertebrale, che determina la comparsa di dolore, disturbi sensitivi e motori. Chi soffre di questo disturbo deve sapere che la migliore prevenzione delle alterazioni posturali del rachide è il movimento. Ma quale attività fisica può praticare in sicurezza chi soffre di questo disturbo? Lo abbiamo chiesto ad un ortopedico: ecco cosa ci ha detto.