Benessereblog Salute Sviluppo delle ossa nei bambini: come è cambiato da ieri a oggi

Sviluppo delle ossa nei bambini: come è cambiato da ieri a oggi

Lo sviluppo delle ossa nei bambini di oggi è maggiormente precoce rispetto a quello registrato negli anni 30. Ecco cosa emerge da un nuovo studio.

Sviluppo delle ossa nei bambini: come è cambiato da ieri a oggi

I bambini nati nel secolo più recente hanno ossa che raggiungono la piena maturità prima (dai quasi 10 mesi prima nelle ragazze ai quasi sette mesi prima nei ragazzi) rispetto ai bambini del passato. A suggerirlo è un nuovo studio condotto dai membri della School of Medicine dell’Università del Missouri, i cui autori spiegano che i loro nostri risultati dimostrano che esiste una “nuova normalità” per i tempi in cui lo scheletro dei bambini raggiungerà la piena maturità.

Per giungere a questa conclusione, gli esperti hanno valutato le radiografie di oltre 1.000 bambini nati tra il 1915 e il 2006. Il team ha valutato le radiografie delle ossa nelle mani e nei polsi per determinare il momento preciso dell’inizio e della fine di un processo di sviluppo noto con il nome di fusione dell’epifisi. Tale processo è stato esaminato con lo scopo di tenere traccia di quando è iniziata la fusione e quando è stata completata nei bambini nati dal 1915 ad oggi.

I risultati hanno mostrato che gli scheletri di bambini nati negli anni ’90 raggiungono il completamento della fusione, e quindi la maturità scheletrica, più velocemente rispetto ai bambini nati negli anni ’30.

Questi risultati influenzano direttamente i tempi dell’assistenza clinica di alcune condizioni ortopediche pediatriche, come nel caso in cui dovessero riscontrarsi differenze di lunghezza delle gambe, scoliosi e così via. Lo studio non rivela tuttavia quale potrebbe essere la causa di questa “nuova normalità”.

via | Eurekalert
Foto da iStock

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Pleurite: i sintomi da riconoscere subito
Malattie

La pleurite è un’infiammazione della pleura, una sottile membrana che riveste la cavità toracica e i polmoni. I sintomi più comuni sono dolore al petto, che può peggiorare con la tosse o con la respirazione profonda, e difficoltà respiratorie. Altri sintomi possono includere febbre, sudorazione notturna ed affaticamento. La pleurite può essere causata da un’infezione, come la polmonite, o da una malattia autoimmune. Alla comparsa dei primi segnali è opportuno contattare immediatamente il medico.