Benessereblog Salute Sudorazione notturna: quando preoccuparsi e 6 trucchi per dirle addio

Sudorazione notturna: quando preoccuparsi e 6 trucchi per dirle addio

Sudorazione notturna: quando preoccuparsi e 6 trucchi per dirle addio

La sudorazione notturna può essere estremamente frustrante, perché tende ad andare e venire senza preavviso e influisce pesantemente sulla qualità del sonno. Se ne soffri, ci sono alcune cose che devi sapere. In primis, sudare di notte è il risultato di un ipotalamo iperattivo. L’ipotalamo è una parte del cervello che controlla la temperatura corporea.

Che significa quando si suda la notte?

La sudorazione notturna non dipende dall’eccessiva temperatura dell’ambiente in cui si riposa. Le sudorazioni notturne possono infatti derivare da situazioni transitorie, quali stati di tensione emotiva, errate abitudini alimentari e cambiamenti ormonali associati alla menopausa e alla gravidanza.

Perché ti svegli sudato?

Cattiva digestione e alimentazione scorretta: disturbi all’apparato digerente come il reflusso gastroesofageo, cene piccanti o a base di soli carboidrati o di sole proteine animali possono far aumentare la sudorazione durante la notte. Altre patologie come l’ipertensione possono causare eccessivo sudore notturno.

Cosa può causare la sudorazione notturna?

Le sudorazioni notturne possono manifestarsi in caso di iperidrosi idiopatica, patologie neurologiche (es. ictus, siringomielia post-traumatica e neuropatie del sistema autonomo) ed infezioni (tra cui sindromi influenzali, mononucleosi, tubercolosi, osteomielite ed endocardite).

La sudorazione notturna può essere un sintomo di alcune tipologie di cancro, per esempio i linfomi, oltre ad essere ovviamente legate a condizioni benigne come le tipiche vampate della menopausa della donna, problemi tiroidei e altro.

Quando le sudorazioni notturne devono preoccupare?

In caso di sudorazioni notturne è bene rivolgersi al medico se il problema si presenta regolarmente, se interferisce con il riposo e se è associato a febbre o altri sintomi, come una perdita di peso ingiustificata.

Quali esami fare per la sudorazione notturna?

In base al sospetto diagnostico possono poi essere prescritti altri esami di laboratorio (quindi esami del sangue, emogasanalisi, dosaggi enzimatici, ormonali o dei marker tumorali) o strumentali (ecografia, polisonnografia, tac, risonanza magnetica).

Come combattere la sudorazione notturna?

Uno dei primi consigli, per evitare di sudare di notte, è quello di non utilizzare troppe coperte, anche nel periodo invernale. Spesso l’alimentazione gioca un ruolo importante, se non fondamentale. Quindi stop ad abbuffate, cibi particolarmente elaborati e alcol.

Cosa fare per non sudare di notte?

Sei trucchi per non sudare di notte e svegliarsi felici:

  • fai un bel bagno con argilla verde in polvere;
  • usa sapone naturale di Marsiglia o allo zolfo che mantengono la pelle asciutta e fresca per molto tempo
  • bevi un infuso freddo alla salvia prima di andar a dormire;
  • fai una dieta equilibrata e non abbuffarti prima di andare a dormire;
  • evita gli alcolici e i cibi piccanti prima di dormire;
  • dormi su un materasso memory gel.

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare