Benessereblog Salute Corpo Stare al sole in gravidanza protegge il nascituro dal rischio sclerosi

Stare al sole in gravidanza protegge il nascituro dal rischio sclerosi

Il sole, preso nelle giuste quantità, fa bene alla salute, indirettamente anche a quella dei bambini, se le madri si espongono alla luce solare con attenzione durante i primi tre mesi di gravidanza. L’esposizione della donna incinta al sole protegge il nascituro dal rischio di sclerosi multipla in età adulta.Uno studio australiano ha analizzato i […]

Stare al sole in gravidanza protegge il nascituro dal rischio sclerosi


Il sole, preso nelle giuste quantità, fa bene alla salute, indirettamente anche a quella dei bambini, se le madri si espongono alla luce solare con attenzione durante i primi tre mesi di gravidanza. L’esposizione della donna incinta al sole protegge il nascituro dal rischio di sclerosi multipla in età adulta.

Uno studio australiano ha analizzato i casi di 1524 pazienti disabili, scoprendo una connessione tra esposizione alla luce del sole e disabilità, attribuibili a variazioni dei livelli di vitamina D nel feto.

Lo studio, dell’Università di Canberra in collaborazione con l’Istituto Murdoch di Melbourne, pubblicato sul British Medical Journal sottolinea come le variazioni nell’esposizione alla luce del sole nei primi tre mesi di gravidanza abbia conseguenze sul sistema nervoso ed immunitario del feto. La carenza di vitamina D nello sviluppo del feto è un fattore molto importante, che dovrebbe essere considerato ed eventualmente implementato con vitamina D supplementare, per la prevenzione della sclerosi multipla.

Foto | Flickr

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Ho ancora il ciclo dopo 10 giorni, cosa devo fare?
Corpo

Molte donne hanno a che fare con un ciclo mestruale irregolare ma, nel caso in cui si prolunghi per oltre 10 giorni, è consigliabile consultare un ginecologo. Questa condizione, chiamata menorragia, può essere causata da squilibri ormonali, fibromi uterini, problemi di coagulazione. Un medico può eseguire esami diagnostici per identificare la causa sottostante e suggerire il trattamento appropriato, che potrebbe includere terapie farmacologiche a seconda della causa.