Benessereblog Benessere Sonno in vacanza, come recuperare le forze?

Sonno in vacanza, come recuperare le forze?

Ecco qualche facile consiglio per dormire bene in vacanza e soprattutto per recuperare le forze.

Sonno in vacanza, come recuperare le forze?

Per molti vacanza è sinonimo di riposo e soprattutto di recupero del sonno perso. Purtroppo non si può pensare di fare i ghiri per una o due settimane per sentirsi meglio. Per riposare veramente è necessario seguire delle regole affinché il riposo sia realmente tale.

Non andare a letto troppo tardi. In estate sembra normale fare le ore piccole, in realtà stare alzati fino a tardi vuol dire ridurre le ore di sonno e sentirsi più stanchi. La sera è importante non andare a dormire oltre la mezzanotte e al mattino non dormire a oltranza ma svegliarsi al massimo entro le ore 10.

Consumare pasti leggeri. Per riposare bene, bisogna digerire e quindi il consiglio è quello di non andare mai a letto appesantiti da una cena molto abbondante o da alcol. Bisogna ricordare che verdura, frutta e carboidrati che vengono digeriti più rapidamente.

Come gestire l’insonnia. Può capitare che cambiando letto e ambiente, si manifesti una sorta di insonnia occasionale. È importante rilassarsi, cercare di andare a dormire e di alzarsi sempre alla stessa ora, anche se la notte precedente si è dormito male, evitare di recuperare con un lungo sonnellino pomeridiano, o in generale con un sonno diurno.

Pisolino di 20 minuti.
Se vi piace riposare il pomeriggio, ricordate che non deve durare più di 20 minuti e deve essere fatto tra le 14 e le 15. Un sonno prolungato al pomeriggio potrebbe disturbare quello notturno.

Via | Repubblica

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Perché si dice rosso di rabbia?
Psicologia

La rabbia può essere un’emozione positiva e utile, se espressa in modo appropriato. Ma quando ci lasciamo prendere la mano, può accadere che tale sentimento prenda il sopravvento, con tutte le prevedibili conseguenze che comporta. Tra le sue manifestazioni c’è anche il rossore del viso: in questo articolo ci preoccupiamo di spiegare scientificamente perché questo accade ed il significato che si cela dietro la frase “rosso di rabbia”.