Benessereblog Salute Smartphone a letto: come migliorare la qualità del sonno

Smartphone a letto: come migliorare la qualità del sonno

Ecco come ridurre al minimo i disturbi causati dall’eccessivo utilizzo di smartphone e computer.

Smartphone a letto: come migliorare la qualità del sonno

Sappiamo tutti molto bene che usare lo smartphone a letto può danneggiare la qualità del nostro sonno, ma nonostante ciò, quasi tutti noi continuiamo a farlo. Medici ed esperti del sonno ci hanno spesso avvertito che usare il cellulare prima di andare a dormire, o trascorrere troppo tempo incollati allo schermo di uno smartphone o di un computer, può danneggiare la nostra salute e disturbare il nostro ciclo sonno-veglia. Nonostante i numerosi avvertimenti, molte persone hanno grosse difficoltà a lasciare il telefono fuori dalla camera da letto.

Se anche voi avete sperimentato questi disturbi, o se il vostro lavoro vi porta a stare al computer fino a tarda sera (rovinando così il vostro sonno), esiste un metodo per minimizzare il problema.

Gli esperti spiegano infatti che per ridurre gli effetti dannosi dell’utilizzo di smartphone e altri dispositivi a letto è utile impostare il display del telefono in modo che passi dalla luce blu alla luce gialla durante la sera. I ricercatori hanno infatti scoperto che proprio la luce blu emessa dagli smartphone e da altri schermi può causare problemi di insonnia e altri disturbi del sonno.

Detto ciò, se nonostante questo piccolo accorgimento non riuscite ancora a dormire bene, sarà utile contattare un medico per scoprire la causa alla base del problema. Fattori che possono disturbare il sonno includono infatti reflusso acido, allergie, ansia, depressione, effetti collaterali dei farmaci, dolore, apnea del sonno e russamento.

via | TheHealthSite
Foto da iStock

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Pleurite: i sintomi da riconoscere subito
Malattie

La pleurite è un’infiammazione della pleura, una sottile membrana che riveste la cavità toracica e i polmoni. I sintomi più comuni sono dolore al petto, che può peggiorare con la tosse o con la respirazione profonda, e difficoltà respiratorie. Altri sintomi possono includere febbre, sudorazione notturna ed affaticamento. La pleurite può essere causata da un’infezione, come la polmonite, o da una malattia autoimmune. Alla comparsa dei primi segnali è opportuno contattare immediatamente il medico.