Benessereblog Benessere Genitori e figli Sei una mamma ansiosa? I tuoi figli potrebbero diventare iperattivi

Sei una mamma ansiosa? I tuoi figli potrebbero diventare iperattivi

Sei una mamma ansiosa? I tuoi figli potrebbero diventare iperattivi

Un nuovo studio ha recentemente dimostrato che i figli di madri particolarmente ansiose durante il periodo della gravidanza e nei primi anni di vita del bambino corrono il doppio del rischio di avere sintomi di iperattività all’età di 16 anni. Lo studio è stato condotto su un campione di oltre 3000 bambini, ed ha dimostrato che l’ansia materna è associata all’iperattività nei figli.

Per giungere a questa conclusione gli autori hanno esaminato i sintomi fisici dell’ansia (come sudorazione, tremore, vertigini e insonnia) in un campione di mamme nel periodo tra l’inizio della gravidanza e il quinto compleanno dei loro bambini, ed hanno osservato che, all’età di 16 anni, c’era una differenza significativa nei sintomi di iperattività, in base ai livelli di ansia mostrati dalle mamme.

Si tratta della prima volta che uno studio dimostra che l’ansia è collegata all’iperattività di un bambino durante l’adolescenza, e che la disattenzione non è invece collegata.

Questa è un’associazione, quindi non possiamo affermare al 100% che i sintomi dell’ansia in gravidanza e nella prima infanzia causano una successiva iperattività. Altri effetti genetici, biologici o ambientali potrebbero entrare in gioco. Non siamo sicuri del perché ciò possa accadere. I bambini potrebbero rispondere all’ansia percepita dalla madre, o potrebbe esserci qualche effetto biologico che causa questo effetto, ad esempio gli ormoni dello stress nella placenta che hanno un effetto sul cervello in via di sviluppo

ipotizzano gli autori dello studio, i quali ribadiscono che bisogna comunque essere prudenti nel non confondere l’associazione con la causalità.

via | ScienceDaily
Foto da Pixabay

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare