Benessereblog Salute Scrocchiare le dita fa male? Ecco la risposta definitiva

Scrocchiare le dita fa male? Ecco la risposta definitiva

Scrocchiare le dita fa male? Ecco la risposta definitiva

Scrocchiare le dita fa male? Siamo certi che ve lo sarete chiesti davvero tante volte: la risposta definitiva, ve lo diciamo subito, è no. Scrocchiare le dita non fa male!

Non esistono, infatti, studi scientifici in grado di dire che questa pratica ha degli effetti negativi. Possiamo anche affermare con certezza che scrocchiare le dita non provoca l’artrosi.

In generale, non ci sono effetti, né negativi né positivi. Non ci sono prove valide che lo scrocchiare delle articolazioni renda queste ultime più grandi o indebolisca la forza della presa.

Vediamo tuttavia nel dettaglio tutte le curiosità in merito a questa strana abitudine.

Cosa succede quando scrocchio le dita?

Quando scrocchiamo le dita, imprimiamo una forza mirata in un determinato punto, che non corrisponde all’osso ma all’articolazione.

Perché scrocchiare le dita “fa rumore”?

Il rumore sembra essere dovuto allo scoppio di alcune bolle che si formano nel liquido sinoviale, un importante lubrificante delle articolazioni. Quando stiriamo le dita, questo liquido si espande in modo improvviso, formando queste bolle che, quando compresse, produrrebbero rumore.

A supporto di tale spiegazione, vi è la questione che le dita appena “scroccate” non producono rumore per una ventina di minuti, ovvero il tempo della formazione di altre bolle. Uno studio del 2015 ha tuttavia dimostrato che le bolle continuano ad esistere anche dopo lo scoppio.

Un esperimento successivo, ha dimostrato che in realtà il “rumore” corrisponde alla deformazione della bolla anche quando questa collassa ma non scompare del tutto. Pertanto, il rumore è associato proprio alle bolle formate dal liquido delle articolazioni.

A cosa serve scrocchiare le dita?

Gli studi dimostrano che fino al 54% delle persone si scrocchiano le nocche. Lo fanno per molte ragioni, dallo stress alla voglia di sentire il “rumore”: vediamo le principali.

  • Il suono: ad alcune persone piace sentire il suono che fa schioccare le nocche.
  • Il modo in cui ci si sente: alcune persone pensano che scrocchiare le nocche renda più spazio nell’articolazione, il che allevia la tensione e aumenta la mobilità. Tuttavia, sebbene possa sembrare che ci sia più spazio, non ci sono prove che ciò avvenga.
  • Nervosismo: proprio come torcere le mani o attorcigliare i capelli, scrocchiare le nocche può essere un modo per occupare le mani quando sei nervoso.
  • Stress: alcune persone, quando sono stressate, hanno bisogno di sfogarsi su qualcosa. Le nocche che si rompono possono consentire la diversione e il rilascio senza effettivamente causare danni.
  • Abitudine: una volta che inizi a scrocchiarti le nocche per uno di questi motivi, è facile che continuerai a farlo, senza nemmeno pensarci. Diventa, in sostanza, un’abitudine.

Come smettere di scrocchiare le dita?

Anche se scrocchiare le nocche non ti sta danneggiando, potrebbe distrarre le persone intorno a te; in più, secondo il galateo, non si tratta di un gesto molto elegante.

Potresti avere difficoltà a smettere se è diventata un’abitudine: ecco alcuni suggerimenti che potrebbero aiutarti a smettere.

  • Pensa al motivo per cui lo fai e cerca di risolvere eventuali problematiche emerse.
  • Trova un altro modo per alleviare lo stress, come la respirazione profonda, l’ esercizio o la meditazione .
  • Occupa le mani con altri antistress, come una pallina di gomma morbida.
  • Presta attenzione ad ogni volta che fai schioccare le nocche, in modo da riuscire a fermarti consapevolmente.

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Prurito al seno, le possibili cause
Salute

Il prurito al seno è un sintomo che potrebbe essere provocato da numerosi fattori, alcuni innocui, altri che dovrebbero essere analizzati con particolare attenzione. In generale, quella del seno e dei capezzoli è una zona piuttosto sensibile, una parte del corpo soggetta ad attriti, sfregamenti, e che tende ad irritarsi con grande facilità.Spesso, un prurito […]